Seguici su

Attualità

Quattro milioni e mezzo di italiani ancora rischiano di ammalarsi di Covid anche molto seriamente

C’è un numero importante di over 60 che sembra recalcitrante a fare il richiamo

Pubblicato

il

tare in allerta, non in allarme. Perchè la crescita dei contagi c’è, ma c’è anche una fetta importante di popolazione vaccinata. Tuttavia il virus non va lasciato correre troppo perché poi iniziano a salire i ricoveri in ospedale, come stiamo vedendo in Gran Bretagna  Questo il leit motiv dell’Istituto Superiore di Sanità che invita – ce ne fosse ancora bisogno – gli italiani a vaccinarsi. Un invito diretto sopratutto a chi, nonostante appartenga ad una fascia di popolazione ritenuta a rischio, ancora non ha provveduto alla prenotazione o a completare il richiamo.

“C’è un numero importante di over 60 che sembra recalcitrante a fare il richiamo –  afferma Anna Teresa Palamara, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Iss in un’intervista la quotidiano La Stampa – Dobbiamo fargli capire che così rischiano di vanificare quanto fatto con la prima somministrazione”.

Il rischio spiega Palamara e che si possa arrivare ai 50mila contagi giornalieri che vengono registrati nel Regno Unito dove da lunedì non vi sarà più alcuna restrizione anti Covid e dove la sola barriera sarà quella del vaccino.

1 Commento

1 Commento

  1. 63steap

    19 Luglio 2021 at 14:28

    C’è gente che ha manco il buon senso di mettere una mascherina figuriamoci vaccinarsi. Questi soggetti (che dovrebbero avere vista l’età un pò di sale in zucca) si autoprecludono la possibilità di minimizzare gli effetti di un eventuale contagio …….. evidentemente si ritengono invulnerabili e più furbi degli altri o sono aspiranti suicidi.
    Bisognerebbe mettere la vaccinazione obbligatoria (come era l’antipolio che molti di questi da bambini avranno fatto), senza perdere tempo in chiacchiere vuote e demagogiche su Costituzione e libertà etc…..Non ti vaccini? Ti tolgo l’assistenza sanitaria pubblica. Qui si tratta spesso di un problema di vita o di morte, di sofferenza e di senso civico e buon senso che evidentemente a molti italiani manca indipendentemente dall’età. Ma è così difficile da capire? Ma sono più importanti il calcio, l’aperitivo, le ferie a tutti i costi, non creare panico nei raveparty (ma non c’erano gli idranti e gli agenti antisommossa una volta?)etc… invece di usare ancora cautela per qualche mese……basta vedere le scene assurde e patetiche dopo l’Europeo. E poi ci si stupisce se stanno aumentando i contagi…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *