Seguici su

Attualità

Quarta dose del vaccino, arrivano le convocazioni via sms

Sono 94.000 le convocazioni inviate via sms dalla Regione Piemonte a coloro che hanno già maturato i tempi per ricevere la quarta dose del vaccino contro il Covid: si tratta di quasi 76.000 over 80 e oltre 18.000 fragili over 60.

Pubblicato

il

Sono 94.000 le convocazioni inviate via sms dalla Regione Piemonte a coloro che hanno già maturato i tempi per ricevere la quarta dose del vaccino contro il Covid: si tratta di quasi 76.000 over 80 e oltre 18.000 fragili over 60. L’obiettivo è terminare entro maggio l’inoculazione delle quarte dosi a tutte le persone che possono già riceverla. Parallelamente è partita anche la somministrazione nelle Rsa, dove si procede in modo diretto con personale interno o con le squadre delle Asl.

A comunicarlo è stato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio che invita chi riceve il messaggio a presentarsi al più presto per farsi vaccinare con il quarto richiamo, come sarebbe bene facessero anche le persone in attesa della terza dose, senza aspettare l’autunno. È una questione di sicurezza personale e collettiva.

L’84,3% dei cittadini piemontesi oltre i 5 anni di età ha concluso il ciclo primario con monodose o doppia dose (il 96,2% di coloro che hanno aderito, ovvero 3,7 milioni su 4,2 di platea complessiva). La somministrazione di oltre 2,8 milioni di terze dosi pone il Piemonte in testa alla classifica delle Regioni italiane più grandi, come risulta dai dati della Fondazione Gimbe aggiornati al 19 aprile. Sono invece circa 22 mila ad oggi le quarte dosi somministrate alle platee autorizzate a livello nazionale: immunodepressi, over 80, Rsa, fragili over 60 con specifiche patologie.

Gli immunizzati naturalmente, cioè le persone che non hanno aderito ma hanno avuto il Covid negli ultimi sei mesi, sono 171.000, tra cui 47.000 tra i 5 e gli 11 anni e 40.000 over50. I non aderenti sono al momento 360.000, tra i quali 113.000 nella fascia tra 5 e gli 11 anni e 105.000 over50.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *