Seguici su

Attualità

Qualità delle acque dei laghi, Viverone supera l’esame di Arpa Piemonte

Il rapporto 2023

Pubblicato

il

Qualità delle acque dei laghi, Viverone supera l’esame di Arpa Piemonte

È on line sul Portale delle Acque di Balneazione di Arpa Piemonte  il report sulla Qualità delle Acque di balneazione 2023 che esamina gli esiti del monitoraggio dell’ultima stagione balneare tanto per le componenti microbiologiche che cianobatteriche.

La stagione balneare 2023 ha avuto uno svolgimento regolare e, rispetto alla stagione precedente,  non si sono evidenziati valori elevati del parametro Enterococchi intestinali consentendo in molti casi un rientro delle situazioni critiche con conseguente miglioramento dei dati di percentile e delle relative classi di qualità.

La stagione balneare 2023 ha avuto uno svolgimento regolare e, rispetto alla stagione precedente,  non si sono evidenziati valori elevati del parametro Enterococchi intestinali consentendo in molti casi un rientro delle situazioni critiche con conseguente miglioramento dei dati di percentile e delle relative classi di qualità.

I cinque laghi a rischio: segnali di miglioramento per Viverone

Nei cinque laghi a potenziale rischio di fioriture di cianobatteri (Maggiore, Viverone, Avigliana, Sirio e Candia) è stato condotto, come nei precedenti anni, un monitoraggio specifico al fine di prevenire eventuali rischi per la salute dei bagnanti riconducibili alla presenza di biotossine in concentrazioni superiori ai limiti normativi .

Nel corso della stagione balneare 2023 si sono verificate fioriture algali consistenti, anche se non sempre determinate da specie produttrici di tossine, su tutti i laghi monitorati. In ogni caso la ricerca delle microcistine, attivata per concentrazioni di specie algali potenzialmente produttrici di tossine, ha sempre rilevato concentrazioni inferiori ai valori soglia.

I dati analizzati presentano segnali di miglioramento anche se la stagione balneare 2023 evidenzia ancora  criticità puntuali sui laghi Maggiore e Candia in particolare per quanto riguarda il parametro Enterococchi intestinali da continuare ad indagare per evitare il peggioramento delle classi di qualità per il prossimo quadriennio.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *