Seguici su

Attualità

Peluche in vetrina, uno zoo di morbidi animali colora la via principale del centro cittadino

Un percorso educativo nato dall’iniziativa dei commercianti con il supporto del Giardino Botanico di Oropa

Pubblicato

il

BIELLA – A Biella l’unico zoo sostenuto dal WWF. Attenzione, invasione di animali in città! No, non si parla di comprensori dove vivono in relativa “libertà” gli animali selvaggi, ma di un simpatico itinerario che coinvolge una buona fetta dei commercianti di via Italia, riuniti con l’associazione “Orso al centro”.

A spiegarne la nascita e le funzionalità, Antonina Lampo, esercente e ideatrice del progetto: «L’iniziativa è portata avanti da noi commercianti, l’abbiamo partorita cercando di realizzare qualcosa di creativo. In buona sostanza chi passerà tra le vetrine troverà esposto un animale di peluche per ogni negozio che aderisce al progetto, creando così un cammino itinerante».

Elefanti, gorilla, ippopotami, koala, giraffe, pinguini e tanti altri, un autentico zoo di peluche in formato natalizio finalizzato alla conoscenza e alla tutela di gran parte delle specie protette più famose. «Ci tengo a ringraziare coloro che hanno deciso di partecipare e  la tipografia Salani per la stampa del materiale cartaceo di informazione destinato alle scuole; la buona riuscita è frutto dell’inventiva dei negozianti e dell’entusiasmo di tutti i nostri sostenitori. – prosegue Antonina – Il percorso a tappe è certamente rivolto ai bambini, mappa in mano i più piccoli possono andare alla scoperta degli animali sparsi negli angoli del centro. Inoltre le vetrine sono già state dotate di un qr code da scannerizzare, così facendo si possono approfondire le tematiche e le curiosità relative a quella determinata specie.

Per incentivare il tutto, abbiamo pensato di introdurre un piccolo concorso chiamato “il nostro animale preferito” (aperto a tutte le scuole): inviando la foto del peluche ed una didascalia che sintetizzi il pensiero dei bambini in merito all’esperienza vissuta, la classe vincitrice riceverà di diritto un kit didattico WWF Club Panda. È bene precisare che l’attuazione generale del programma non prevede alcuna richiesta di fondi, nulla è finalizzato a scopo di lucro e tutti i peluche sono stati realizzati dai commercianti con materiale a loro disposizione».

Un disegno didattico che ha avuto sin da subito l’appoggio concreto del WWF di Biella, con lo staff tecnico dell’Oasi Giardino Botanico di Oropa impegnato nella divulgazione e sensibilizzazione rispetto al tema trattato. Sull’argomento è intervenuto Fabrizio Bottelli, direttore dell’associazione: «A livello comunicativo ci sono aspetti molto significativi in questa opera: i peluche sono cuccioli, la scelta non è banale se si pensa al grande spirito evocativo degli animali. Con lo zoo di peluche si può intraprendere un viaggio di esplorazione che ha al suo interno aspetti educativi essenziali, con un occhio di riguarda verso le cosiddette “specie ombrello”. Si tratta di quel gruppo di animali identificati come fulcro degli sforzi per la conservazione di un ecosistema, partendo da essi si innesca un processo di protezione che produce un effetto positivo anche per altre specie dello stesso habitat. Credo che l’impegno profuso stia favorendo l’aspetto culturale, la tutela dell’ambiente passa anche per iniziative come questa. Oltre al qr code, è presente una sezione dedicata sulla pagina web del giardino botanico (gboropa.it/Educazione/Kids.htm) per scaricare la mappa, visitare le schede degli animali, con un focus generale sulle tematiche trattate.

Tutto il progetto si affianca a quello portato avanti da tempo dal WWF Oasi e Aree Protette Piemontesi di Biella, con l’adozione di un peluche si potrà quindi contribuire a salvare un animale in carne ed ossa della stessa specie».

 

d.r.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *