Seguici su

Attualità

Manca la CO2, anche Menabrea ha sospeso temporaneamente la produzione

Dopo l’acqua minerale il problema si estende alla birra

Pubblicato

il

Birra Menabrea

Dopo l’acqua Sant’Anna, che ha interrotto del tutto la produzione di acqua frizzante, i problemi annunciati da Pejo e Goccia di Carnia e, più recentemente, San Pellegrino che si è vista costretta ad interrompere (sia pure per soli 2 giorni), la produzione di acqua frizzante, ora è la volta della birra.

Parliamo della biellese Menabrea, uno dei marchi di birra più amati che, proprio per la carenza di CO2, ha interrotto temporaneamente la produzione. Come hanno dichiarato martedì dagli uffici dell’azienda a La Repubblica: “La carenza di CO2 è un problema anche da noi. Oggi siamo fermi nello stabilimento di Biella, ma domani contiamo di potere ripartire”.

Ha spiegato meglio qual è la situazione attuale Pietro Di Pilato, consigliere di Unionbirrai e proprietario del birrificio Brewfist di Codogno: “Il problema nel settore c’è eccome, anche da noi. Ne risentono meno i birrifici più piccoli perché tendono a non utilizzare anidride carbonica nelle fasi di confezionamento, ma quelli di dimensioni medie e grandi pagano le conseguenze della mancanza di materia prima. Non c’è abbastanza anidride carbonica per tutti. Manca soprattutto nella versione liquida: il mio birrificio, per esempio, ne è senza da giugno. Stiamo andando avanti con i pacchi bombole, che però costano circa tre volte tanto e vengono forniti in maniera più discontinua. Sembra dunque che siano proprio i marchi medio-grandi ad avere i problemi maggiori, anche se per ora lo stop temporaneo è stato annunciato solo dalla Menabrea”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adv
adv
adv

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com