Seguici su

Attualità

Le residenze per anziani “Casa Albert” a Viverone e “Il Giardino” a Ronco Biellese restano Covid free

Attivata la possibilità per i parenti di portare fuori dalla struttura gli ospiti per una intera giornata

Pubblicato

il

Nonostante il perdurare della pandemia, restano Covid free le Residenze protette per anziani gestite dal gruppo Sereni Orizzonti in provincia di Biella (“Casa Albert” a Viverone e “Il Giardino” a Ronco Biellese). Gli accessi alle strutture sono contingentati e sottoposti all’ingresso ai previsti triage per ospiti, visitatori, esterni e liberi professionisti. Gli infermieri e gli operatori socio sanitari sono ammessi al lavoro soltanto se in possesso di Green Pass da vaccinazione, esenzione medica specifica o perché reduci da guarigione da Covid. Tutti gli operatori sono vincolati all’utilizzo rigoroso dei dispositivi di protezione individuale, in particolare delle mascherine FFP2.

La quarantena è stata predisposta per i dipendenti di ritorno dalle ferie trascorse fuori dall’Europa e comunque questi sono soggetti alla comunicazione ai Ministeri della Salute e del Turismo per il monitoraggio Asl.

Le visite dei familiari avvengono previa prenotazione, raccogliendo i dati dei visitatori per 14 giorni e imponendo senza eccezioni il distanziamento e l’utilizzo di mascherine, guanti e gel disinfettante. È infine stata attivata la possibilità per i parenti di portare fuori dalla struttura gli ospiti, per una intera giornata, ma soltanto dopo aver sottoscritto il previsto “Patto di condivisione del rischio”, col quale si impegnano a seguire in maniera scrupolosa tutte le misure di prevenzione del contagio. «L’esperienza che abbiamo accumulato in quasi due anni di pandemia – spiega Alessandro Conte, responsabile nazionale per la sicurezza del gruppo Sereni Orizzonti – ci sprona a non abbassare la guardia e a garantire il massimo accudimento a tutti i nostri ospiti. Siamo finalmente tornati a una situazione di quasi normalità e facciamo di tutto per non pregiudicare gli ottimi risultati fin qui ottenuti».

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *