Seguici su

Attualità

La Biella-Oropa sarà protagonista su Sky Sport in “Salite da incubo”

Pubblicato

il

Ciclismo in tv

BIELLA – Oggi il via alle riprese con il conduttore Patrick Martini affiancato dal biellese Denis Lunghi. La salita Biella-Oropa, entrata nella storia del ciclismo con il titolo di Montagna Pantani, tornerà assoluta protagonista in televisione. Sull’onda lunga del ritorno in città di una tappa del Giro d’Italia, ora è tempo di promozione del ciclismo outdoor con l’arrivo oggi in città delle telecamere di Sky.

Biella protagonista in tv

La celebre Biella-Oropa sarà protagonista indiscussa in una delle prossime puntate di “Salite da
incubo”, format condotto egregiamente da Patrick Martini. La puntata andrà in palinsesto nel corso del mese di agosto, anche con una lunga serie di repliche e sarà trasmessa sui canali Sky Sport 1, Sky Sport Arena, Sky Sport Collection, Cielo Tv e sulle piattaforme di Sky Go e Now Tv.

Il programma

Al fianco di Patrick Martini non poteva mancare un testimonial d’eccezione del territorio. A prodigarsi nella salita, questa mattina, si è infatti presentato l’ex ciclista professionista Denis Lunghi, vincitore nel 2002 della tappa del Giro d’Italia Campobasso-Chieti.

“Salite da incubo” è diventato un vero e proprio cult per gli appassionati di ciclismo e sarà uno spot di promozione turistica del territorio, visto che le telecamere oltre a filmare la storica Montagna Pantani riprenderanno una serie di paesaggi mozzafiato, con protagonista sullo sfondo il Mucrone. Spiegano il vicesindaco Giacomo Moscarola e l’assessore al Turismo e alla Montagna Barbara Greggio: “Si tratta di un fantastico spot per il nostro territorio, proseguiamo nel percorso che abbiamo intrapreso per far emergere le nostre ottime proposte in fatto di attività outdoor e i nostri bellissimi paesaggi. Ringraziamo di cuore l’Atl Biella, Valsesia e Vercelli che ci ha prontamente supportato per la realizzazione del progetto. Un grazie anche a Denis Lunghi che ha affiancato Patrick Martini nel valorizzare il nostro territorio”.

 

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *