Seguici su

Attualità

Il Pd apre agli inceneritori:”Il rifiuto indifferenziato qualcuno lo deve smaltire”

Lo dice Paolo Furia

Pubblicato

il

Paolo Furia

“Bisogna ridurre al massimo la produzione di rifiuti e bisogna rendere più efficace la pianificazione dello smaltimento, oggi ancora troppo in mano a logiche di mercato inefficienti”. Lo dice Paolo Furia, biellese, segretario regionale del Pd.

“I termovalorizzatori – dice Furia – servono se le istituzioni di una città, una provincia, una regione, libere da pressioni di lobbies, valutano che sia necessario (e più ecologico di altre scelte, come le vecchie discariche) per smaltire il residuo indifferenziato. Basta vendere i propri rifiuti a multinazionali del rifiuto che operano ovunque in Europa e magari tanti nel nord. Basta inquinare per trasportare i rifiuti con i camion in giro per l’Europa perché noi non vogliamo fare ciò che dobbiamo fare a casa nostra – perché magari non ci piacciono, ma siamo noi a farli.

“Un’attenzione che bisogna avere -prosegue il segretario del Pd – è di non costruire termovalorizzatori in aree sbagliate, aree che hanno già dato tanto (magari individuate in passato per ospitare discariche e/o cave). Un’altra attenzione che bisogna avere è scrivere a livello regionale piani dei rifiuti molto chiari, che consentano di prevedere in modo ragionevolmente sicuro le tonnellate di rifiuti attesi in un certo lasso di tempo in una certa area territoriale, in modo da pianificare con chiarezza di quali e quanti impianti ci sia bisogno. Oggi in assenza di pianificazione il rischio è che l’iniziativa privata prevalga e magari una Regione come il Piemonte rischia di passare senza soluzione di continuità da avere un termovalorizzatore solo, che non basta neanche a smaltire tutto l’indifferenziato dei Piemontesi, a averne tre, perché sono diversi gli attori che si propongono di svilupparli, e la mano destra non sa cosa fa la sinistra.

“Ma quei membri delle istituzioni che invece sono contrari a priori alla costruzione di un termovalorizzatore – conclude Furia – deve spiegare quale sia la sua soluzione per smaltire l’indifferenziato residuo. Perché mi sembra sinceramente troppo comodo stare in una città che ricicla sì e no il 50% dei suoi rifiuti e non vuole nemmeno assumersi la responsabilità di gestirli”.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adv
adv

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com