La Provincia di Biella > Attualità > Il bagno nel Sesia? Solo sulla “riva vercellese”
Attualità Fuori provincia -

Il bagno nel Sesia? Solo sulla “riva vercellese”

Balneazione vietata nei Comuni novaresi, ma non in quelli vercellesi

sesia

Fare il bagno nel Sesia è possibile, ma solo se si entra dalla riva “vercellese”. E’ paradossale la situazione creatasi in bassa Valsesia, come raccontato nei dettagli da NotiziaOggi: i Comuni novaresi vietano la balneazione, gli altri no.

Il motivo? Secondo alcuni enti si tratta di un fiume troppo pericoloso per via degli episodi di annegamento degli ultimi anni.

Il Sesia (come tanti altri corsi d’acqua) non appare infatti nell’elenco delle aree balneabili stabilite dalla Regione Piemonte. E in più, la Prefettura di Novara ha segnalato ai Comuni che si affacciano sul Sesia una nota che porta in evidenza i decessi avvenuti dal 2018 al 2020 per annegamento nel Sesia. Da Vercelli invece, come detto, ancora nulla.

Sul tale premessa, alcuni sindaci hanno già emesso, o stanno per farlo, un’ordinanza che vieta la balneazione sui tratti di loro competenza. In particolare si ordina, «al fine di salvaguardare l’incolumità pubblica, il divieto permanente di balneazione, in via preventiva, al fine di evitare ulteriori decessi per annegamento. Il personale dell’ufficio tecnico apporrà l’idonea segnaletica e l’inosservanza delle disposizioni è sanzionata».

Quindi, allo stato attuale, è possibile fare il bagno a Serravalle e a Gattinara, ma non sulle sponde opposte, a Romagnano e Ghemme. I due Comuni hanno già pubblicato il divieto, mentre Prato e Grignasco si accingono a farlo.

© riproduzione riservata