La Provincia di Biella > Attualità > Ha origini biellesi Mattia Polibio, star di TikTok con quasi 5 milioni di fan
Attualità Biella -

Ha origini biellesi Mattia Polibio, star di TikTok con quasi 5 milioni di fan

BIELLA – A soli 17 anni è già una delle star più quotate su TikTok, la comunità di video che spopola tra i giovani. E’ nato e cresciuto in New Jersey ma le sue origini sono laniere. I suoi nonni e gli zii paterni, infatti, vivono nel Biellese e il suo papà ha frequentato le scuole e lavorato nella nostra provincia. Mattia Polibio, questo è il suo nome, conta oggi quasi 5 milioni di followers.


Ma come è arrivato al successo e qual è il segreto di tanta popolarità? Lo abbiamo chiesto al diretto interessato. «Ho cominciato a pubblicare video su TikTok nell’ottobre del 2018, poi la scorsa estate i miei contenuti sono diventati virali sul social network – spiega – Mi diverto a realizzare i video e ne condivido tre al giorno. Ho anche un bellissimo rapporto con i miei fan. Per interagire con loro utilizzo un’applicazione e quando riesco mi piace leggere i loro commenti».


Quale consiglio si può dare ai tanti giovani che desiderano diventare famosi sul web e, in particolar modo, su TikTok? «Innanzitutto bisogna dedicare molto tempo ai social network – continua Mattia Polibio – e si deve cercare di pubblicare contenuti della stessa tipologia per riuscire a crearsi il proprio pubblico di affezionati. Inoltre vorrei lanciare un messaggio ai miei coetanei. Siate sempre voi stessi, non cercate di cambiare, perchè ognuno di noi è perfetto così com’è».


E per quanto riguarda il futuro, come si vede Mattia Polibio tra qualche anno e qual è il suo sogno nel cassetto? «Inizialmente avrei voluto diventare un calciatore, avendo la passione del pallone, ma adesso il mio desiderio sarebbe quello di lavorare con i social media».


Infine una curiosità da parte di tutte le fan biellesi. Tornerà nel capoluogo laniero? «Sicuramente- rassicura Mattia – non appena sarà rientrata l’emergenza sanitaria legata al coronavirus».


Francesca De Nuzzo

© riproduzione riservata