Seguici su

Attualità

Giro d’Italia 2021, ACI prosegue la campagna per la sicurezza stradale

Pubblicato

il

L’obiettivo

ACI (Automobile Club Italia) prosegue l’importante campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale, #rispettiamoci. L’obiettivo è quello di far prendere coscienza sulla sicurezza e sui comportamenti quotidiani degli
automobilisti, dei ciclisti, dei pedoni e della micro-mobilità.

I dati

Nel 2019 nella città di Biella 169 incidenti stradali con lesioni, 6 i ciclisti coinvolti, il 2,7% del totale. I
pedoni investiti sono 52, il 23,5% dei sinistri totali.
Nel 2019 in provincia di Biella 326 incidenti stradali con 8 morti, 21 i ciclisti coinvolti, 6% degli
incidenti totali. Peggiore il quadro per i pedoni investiti, 61 che rappresentano il 18% degli incidenti
totali con lesioni.

Nuovamente protagonista al Giro d’Italia

ACI è nuovamente protagonista al Giro d’Italia 2021 per ribadire l’importanza di comportamenti sempre corretti alla guida, soprattutto quando l’automobilista incontra chi pedala o cammina. ACI coinvolge i media nella diffusione dei dati sull’incidentalità nei territori che ospitano partenze e arrivi delle tappe del Giro d’Italia, al fine di aumentare il grado di informazione e di consapevolezza di automobilisti, ciclisti e pedoni chiamati a condividere responsabilmente la strada.

Programma

La campagna di sensibilizzazione prevede anche la messa in onda di uno spot su Rai 2, la diffusione di tutorial per la sicurezza e di testimonianze raccolte tappa dopo tappa da personaggi del mondo delle due ruote, postate sul portale ufficiale del Giro (https://www.giroditalia.it/) che ospita l’area #rispettiamoci dedicata alla sicurezza stradale a cura di ACI. Al contempo, il messaggio è amplificato sui canali web (http://www.aci.it/) e social di ACI. Attraverso il Giro
d’Italia, la campagna ACI #rispettiamoci coinvolgerà milioni di spettatori e appassionati, contribuendo a far crescere la cultura della mobilità responsabile e una conseguente rivalutazione dei comportamenti quotidiani sulla strada.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *