Seguici su

Attualità

Furbetti dei rifiuti identificati grazie alle fototrappole, adesso rischiano fino a 3.000 euro di multa

I tre sanzionati avevano abbandonato illecitamente i rifiuti lungo via Guelpa a Chiavazza

Pubblicato

il

BIELLA – Nell’ultima settimana del mese di luglio, grazie all’ausilio delle fototrappole, gli agenti del nucleo di vigilanza ambientale della Polizia locale della Città di Biella hanno scoperto, identificato e sanzionato tre soggetti che abbandonavano illecitamente rifiuti lungo la strada, nelle vicinanze di alcuni alberi. I fatti sono avvenuti a Chiavazza, lungo la via Guelpa, poco distante dai binari della ferrovia.

I responsabili degli abbandoni sono stati scovati grazie all’ausilio delle fototrappole di ultima generazione, che si accendono automaticamente con un sensore al passaggio di veicoli o persone e sono in grado di captare immagini ad elevata risoluzione. In un caso, il primo soggetto identificato, aveva abbandonato tra i rovi un mobile d’arredamento. Negli altri due episodi sono stati invece abbandonati rifiuti di genere urbano.

Tutti e tre i soggetti sono stati sanzionati, a seguito di attività di indagine da parte degli agenti. Chi viene scoperto ad abbandonare rifiuti nell’ambiente può essere sanzionato con una multa che va da 300 fino a 3.000 euro.

Si tratta solo degli ultimi episodi a seguito delle attività svolte dal nucleo di vigilanza ambientale della Città di Biella, con l’obiettivo di contrastare l’abbandono dei rifiuti lungo strade e nella natura. Dice il vicesindaco e assessore alla Polizia locale Giacomo Moscarola: “Ringrazio il personale della Polizia locale per il lavoro svolto, la decisione di acquistare fototrappole di ultima generazione è stata una mia precisa volontà perché la lotta all’inquinamento dell’ambiente non si fa solo a parole ma con i fatti concreti. Con controlli e postazioni nei luoghi critici. Oltre all’educazione si rende necessaria, visti i numeri casi, anche la repressione che vede nelle fototrappole un valido supporto. Visti i buoni risultati è nostra intenzione acquistare altre fototrappole per proseguire nel contrasto di questi abbandoni”.

 

Foto presa dal sito del Comune di Biella

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *