Seguici su

Attualità

Economia, sono pessimistiche le previsioni degli imprenditori biellesi

Indagine congiunturale UIB

Pubblicato

il

Indagine congiunturale, le previsioni degli imprenditori per il terzo trimestre 2024

L’indagine congiunturale realizzata da Unione Industriale Biellese rispetto alle previsioni degli imprenditori sul terzo trimestre 2024 registra il peggioramento di tutti gli indicatori rispetto allo scorso trimestre.

Economia, sono pessimistiche le previsioni degli imprenditori biellesi

Ecco il saldo fra pessimisti e ottimisti dei principali indicatori sulle previsioni degli imprenditori biellesi dell’industria manifatturiera e del terziario per il terzo trimestre 2024:

occupazione:  -2% (era 2,9 lo scorso trimestre),
produzione totale: – 23,8%  (era – 14% lo scorso trimestre)
ordini: – 27,2% (era a -12,5%, lo scorso trimestre)
redditività: -11%  (era a – 14% scorso trimestre).

Il commento di Paolo Barberis Canonico, vice presidente Uib

A commentare l’indagine è Paolo Barberis Canonico, vice presidente Uib con delega all’Economia di Impresa, Sviluppo delle Filiere e Sostenibilità: “Le previsioni pessimistiche degli imprenditori biellesi riflettono il sentiment generale di prudenza a fronte di un rallentamento dell’economia e dell’aumento dell’incertezza. Mi riferisco, in particolare, alla contrazione della produzione di Germania e Francia e ad una ripresa della Cina al di sotto delle aspettative. Ad una debole domanda interna ed esterna si aggiungono altre variabili altamente complesse come l’inflazione, il calo del potere d’acquisto, l’innalzamento dei prezzi e, più in generale, l’instabilità geopolitica determinata dai conflitti ancora in corso. A fronte di prospettive così incerte, le imprese cercano di rispondere con un atteggiamento positivo che guarda alle prossime sfide: digitalizzazione, internazionalizzazione, transizione ecologica. Su questi temi il supporto all’Industria 5.0 è fondamentale”.

 

Continua a leggere le notizie de La Provincia di Biella e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *