Seguici su

Attualità

Cos’è la Firma Elettronica Certificata e a cosa serve?

La Firma Elettronica nasce dalla necessità delle organizzazioni di ridurre i loro costi e aumentare la sicurezza dei loro processi interni

Pubblicato

il

La Firma Elettronica nasce dalla necessità delle organizzazioni di ridurre i loro costi e aumentare la sicurezza dei loro processi interni, attraverso l’uso di mezzi elettronici per snellire i processi, ridurre il tempo ed evitare l’uso della carta.

Con l’entrata in vigore della Legge della Firma Elettronica Certificata dello Stato di Guerrero, l’applicazione dell’uso della Firma Elettronica Certificata si regola negli atti, procedure e formalità che si realizzano tra gli enti, le entità o qualsiasi organo dei soggetti indicati in questa legge, così come tra questi e le persone fisiche. Conferisce inoltre alla Firma Elettronica Certificata lo stesso valore legale della Firma Autografica e regola la procedura di certificazione della Firma Elettronica Certificata e dei servizi correlati.

Nell’ambito di questa legge, il Sottosegretariato per gli Affari Legali e le Risorse Umane è stabilito come Autorità di Certificazione autorizzata ad autorizzare, revocare, sospendere o estinguere i certificati di Firma Elettronica Certificata.

Come si usa la firma elettronica ?

Per utilizzare la firma pdf è necessario aver ottenuto in precedenza un certificato di firma elettronica, che viene rilasciato dall’Autorità di Certificazione e contiene, tra le altre cose, la chiave pubblica.

Il funzionamento della firma elettronica si basa su una coppia di numeri “la chiave pubblica e la chiave privata” con una relazione tra loro. La chiave privata è memorizzata in un dispositivo per uso privato: una scheda o un dispositivo crittografico o il disco rigido del computer. La chiave pubblica, invece, è distribuita insieme al messaggio o documento firmato.

Firma elettronica certificata

La firma elettronica certificata è la forma più avanzata di firma elettronica: richiede un dispositivo adeguato e genera un certificato qualificato con pieno valore legale che attesta sia l’originalità che l’integrità dei documenti firmati.

Smart working e firma elettronica

La conclusione a distanza di contratti e, più in generale, l’esecuzione di documenti può sicuramente avvenire a distanza senza la necessità di incontrarsi di persona. Potete facilmente scambiare documenti firmati tramite posta certificata o usare firme elettroniche se non avete una stampante a vostra disposizione. Naturalmente, bisogna essere sicuri che l’opzione scelta abbia gli stessi effetti di una firma autografa, e questo dovrebbe essere attentamente valutato caso per caso in base alle caratteristiche della firma elettronica e al tipo di documento da firmare. Infatti, nonostante il settore sia stato armonizzato a livello comunitario dal Regolamento eIDAS (Regolamento (UE) 910/2014), la normativa italiana presenta alcune caratteristiche peculiari che sia gli attori internazionali che quelli locali devono considerare quando intendono eseguire documenti a distanza.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *