Seguici su

Attualità

Caro bollette e rincari beni di prima necessità, un piemontese su tre rischia la povertà

I risultati dell’indagine dell’Unione Nazionale Consumatori

Pubblicato

il

Con i forti rincari di gas ed energia elettrica e dei prezzi dei generi di prima necessità 1 piemontese su 3 è a rischio povertà ed è già ipotizzabile che a Natale le spese accessorie subiscano un taglio in media del 25% per tutte le famiglie. E’ quanto risulta dall’analisi condotta dall’avvocato Patrizia Polliotto, presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori (Unc).

“La crescita esponenziale del costo a megawatt ora del gas ha drasticamente ridotto il potere d’acquisto della più parte dei cittadini piemontesi, la cui capacità di spesa è destinata a orientarsi nella scelta tra il cibo e l’energia”, sottolinea il legale secondo cui, finiscono “completamente fuori dal budget spese accessorie come cultura e tempo libero, che specialmente in vista del Natale. C’è una contrazione preliminare importante che sotto le festività produrrà, temiamo, un calo in media pari al 25% nelle famiglie mono e bireddito con figli a carico”.

Per Patrizia Polliotto la crisi energetica in atto rischia altresì di “Incrementare il tasso d’indigenza in regione, andando a pesare anche sulle mense dei poveri”. Evidenti le ripercussioni anche sul carrello della spesa, “Con la progressiva scomparsa della carne, del pesce e di determinati ortaggi dalle buste dei consumatori, e l’aumento del prezzo del pane che oscilla tra il 18 e il 21%”. (ANSA).

 

 

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2022 laprovinciadibiella.it S.r.l. - P.IVA: 02654850029 - ROC: 30818
Reg. Tribunale di Biella n. 582 del 30/06/2014 - Direttore responsabile: Matteo Floris
Redazione: Via Vescovado, n. 5 - 13900 Biella - Tel. 015 32383 - Fax 015 31834 - Email: laprovinciadibiella@gmail.com