La Provincia di Biella > Attualità > Baraggia di Candelo, basta con il fracasso dei militari
Attualità Biella -

Baraggia di Candelo, basta con il fracasso dei militari

Lettera

Ho sempre detestato il fracasso di ogni tipo fin da quando ero un ragazzino perché mi dava fastidio persino il il rumore delle campane della chiesa posta al centro del mio paese che alle 9,alle 12,alle 14 ed alle 16 suonavano per segnalare a noi ragazzi gli orari di apertura e di chiusura delle scuole elementari durante tutto il periodo scolastico.

Quei botti che si sentono durante i fuochi artificiali, spesso anche molto forti, sono una delle cose che io detesto perché penso che distubino anche altre persone. Eppure vedo che in occasione di molte manifestazioni e celebrazioni per osservare le immagini peraltro fugaci dei fuochi artificiali molte sono le persone che si accadano per poterli vedere. In Francia in particolare sulla Costa Azzurra ma anche in Italia in particolare nel Sud le persone si pigiano l’una cotro l’altra e si ammassano per poterli vedere senza sentirsi disturbate da quel fracasso.

Purtroppo però tutti quegli animali che vivono nelle vicinanze, rimangono sempre terrorizzati da quei forti rumori e quasi tutti, se possono, fuggono  da quei luoghi e non vi fanno ritorno fino al giorno successivo. Molti sono i cani che, se possono, scappano da casa e devono essere poi rintracciati. Anche da noi, in occasione di quelle festività come il Capodanno od altre ricorrenze molti sono i cittadini che escono per strada per ammirare questi fuochi artificiali.

Il sottoscritto per contro chiude porte e finestre e se ne sta in casa per evitare di correre rischi. So comunque per certo che diverse sono le persone che lo imitano. Infatti in quelle circostanze vi sono anche degli imbecilli che, come se quel fracasso non bastasse, dai balconi delle loro case sparano con i loro fucili da caccia e mi è rimasto impresso un fatto che è stato riportato dalla TV e dai giornali verificatosi, se ben ricordo, circa tre anni fa in una località del Sud Italia. Una bambina che si era affacciata alla finestra rimase uccisa da un colpo di fucile sparato all’impazzata da un cretino che evidentemente non era soddisfatto dal fracasso provocato dai botti che si sentivano nelle vicinanze.

Ha perfettamente ragione Lele Ghisio quando afferma che le esercitazioni militari che si svolgono in Baraggia oltre che a rovinare l’ambiente disturbano in modo particolare con i colpi di arma da fuoco. I vari mezzi che vi scorrazzano oltre che a danneggiare il paesaggio disturbano persone ed animali. Almeno il fracasso delle armi da fuoco dovrebbe essere evitato!

Eusebio Franchino

© riproduzione riservata