La Provincia di Biella > Attualità > Banca Sella e Biver Banca sono pronte ad aiutare la Pallacanestro Biella
Attualità Biella -

Banca Sella e Biver Banca sono pronte ad aiutare la Pallacanestro Biella

BIELLA -Banca Sella e Biver Banca pronte ad aiutare Pallacanestro Biella nell’operazione di salvataggio. Nessuna nota ufficiale lo conferma. Ma la discussione è davvero in corso e ha basi molto solide.


A taccuino chiuso, infatti, viene confermata da tutti i protagonisti. La volontà è quella di aiutare ancora una volta il sodalizio sportivo che da anni rappresenta un’eccellenza, non solo sportiva, del territorio. Ma è presto per farsi illusioni, alla luce di debiti storici da pagare e circa ottocento mila euro da trovare per fare una squadra decente per la prossima Serie A2. Si tratta quindi solo di un tassello in un mosaico complesso e dall’esito per niente scontato. E’ però evidente che avere dalla propria parte due soggetti tanto prestigiosi e pesanti, valga tantissimo. Per la credibilità e le speranze del piano che Marco Atripaldi sta portando avanti dopo l’annuncio del presidente Antonio Trada (“Se il territorio non ci aiuta, chiudiamo”) una vera boccata d’ossigeno dopo giorni di apnea.


Difficile quantificare l’impegno economico delle due banche. La parte più significativa pare comunque metterla Banca Sella che, negli anni d’oro della Serie A, arrivò a dare anche con 500 mila euro in una stagione. Oggi invece la cifra che dovrebbe assicurare a Pallacanestro Biella è di circa 100 mila euro. Un aiuto comunque preziosissimo e, soprattutto, assicurato per un periodo medio-lungo. Sul tavolo delle trattative, l’idea è di un aiuto garantito per almeno cinque anni. Un lustro, che darebbe fiato alla dirigenza rossoblù per programmare la propria attività. L’impegno di Banca Sella è, tassativamente, legato all’attività giovanile, da sempre pallino del numero uno Pietro Sella.


Diverso il discorso per la Biver Banca, che continuerebbe ad aiutare la società come sempre fatto nei tanti anni di attività, ma con un importo di circa 25 mila euro. Il ruolo delle due banche è inoltre fondamentale nel salvataggio del club, per l’aiuto che assicurerebbero nell’operazione di risanamento economico dei debiti storici (circa 1,2 milioni di euro, molti dei quali proprio con Biver e Sella).


Intanto prosegue l’attività di raccolta fondi promossa con la campagna #Contiamoci. Sarebbero circa 300 gli appassionati che avrebbero assicurato l’adesione al prossimo campionato, di cui non si sa nulla, versando un acconto sul costo dell’abbonamento. I termini per l’iscrizione al torneo di Serie A2 scadono il 31 luglio. La società si è invece data appuntamento per il 20 luglio, quando proverà a tirare le file di quanto raccolto e quindi prenderà la decisione sul da farsi.
p.l.b.

© riproduzione riservata