La Provincia di Biella > Attualità > Attività produttive messe in crisi dal lockdown, arriva un contributo sulla bolletta dell’acqua
Attualità Biella Fuori provincia -

Attività produttive messe in crisi dal lockdown, arriva un contributo sulla bolletta dell’acqua

Saranno più di 5.000 realtà a beneficiarne

BIELLA – Ieri, giovedì 9 luglio, la Conferenza dell’ATO2, che si occupa della gestione del servizio idrico integrato per i territori del Biellese, Vercellese e Casalese, ha approvato un atto di grandissima importanza economica e sociale per il territorio destinando importanti somme del proprio bilancio per erogare un contributo una tantum di 100,00 euro sulla bolletta dell’acqua alle attività produttive che maggiormente hanno subito la crisi economica finanziaria da Covid 19 con la chiusura delle proprie attività.

Saranno più di 5.000 beneficeranno di questo contributo

Saranno più di 5.000 le utenze che verranno beneficiate da questo contributo che verrà erogato direttamente sulla bolletta attraverso il Gestore del servizio idrico del Comune di residenza e per le utenze indirette con modalità da definirsi dal Gestore.

Chi può presentare richiesta

Possono presentare richiesta di erogazione del contributo le attività ricomprese nell’elenco che, alla data di effettuazione della richiesta:
• risultino iscritte nelle pertinenti sezioni del Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA di Biella-Vercelli o di Alessandria – per i territori casalesi e valenzani -, con sede legale e/o unità locale in uno dei Comuni appartenenti all’ATO2, con attività di impresa corrispondente ad uno dei codici ATECO indicati nell’allegato 1 al Patto di Solidarietà;
• abbiano sospeso la propria attività a causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19;

Come presentare la richiesta

Sarà possibile presentare istanza di concessione del contributo esclusivamente via p.e.c al Gestore di competenza nel periodo dal 20 luglio 2020 al 20 settembre 2020.

È un’iniziativa che in un momento di evidente generale difficoltà economica può dare sollievo alle fasce produttive più colpite del nostro territorio. È necessario poi ricordare che oltre a questo contributo ATO2 ha destinato anche 350.000,00 euro per le utenze domestiche più deboli attraverso un contributo da richiedersi agli Enti socio Assistenziali del territorio.

Tutta la documentazione e i codici ATECO ammessi al contributo 

© riproduzione riservata