Seguici su

Attualità

Attenzione alle fatture ingannevoli con intestazione UIBM è una truffa organizzata ai danni degli utenti

Pubblicato

il

Il Ministero dello Sviluppo economico, a cui fa capo l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM), cioè l’ente che cura la registrazione e la tenuta degli stessi, fa sapere che in questi giorni stanno arrivando numerose richieste, trasmesse a mezzo posta, che riportano nell’intestazione il logo, l’indirizzo e i contatti del Ministero e dell’UIBM, nonché il nome e la firma falsificata di un suo dirigente; esse includono anche l’IBAN di un conto corrente polacco per il pagamento, che non va assolutamente utilizzato.

Si tratta di richieste che non provengono dall’UIBM e che pertanto sono una truffa. Nel caso in cui un utente ricevesse una comunicazione di questo genere, il consiglio è di verificare attentamente il contenuto contattando la Camera di Commercio o il proprio consulente di fiducia, di non pagare e di inviare copia dei documenti ricevuti alla Linea Diretta Anticontraffazione scrivendo all’indirizzo e-mail anticontraffazione@mise.gov.it.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha già sporto denuncia all’autorità giudiziaria a tutela propria e delle persone innocenti coinvolte, mentre l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi ha pubblicato un avviso nel proprio sito https://uibm.mise.gov.it/index.php/it/attenzione-alle-fatture-ingannevoli-con-intestazione-e-nominativi-uibm.

Per qualsiasi informazione è possibile contattare l’ufficio Marchi e Brevetti della Camera di Commercio di Biella e Vercelli ai numeri 015.3599328 o 0161.598247, oppure scrivendo all’indirizzo e-mail brevetti@bv.camcom.it.

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *