Seguici su

Attualità

Artigianato crolla il credito alle imprese: nel Biellese 116 milioni di euro – 9,1%

Pubblicato

il

Artigianato crolla il credito alle imprese: nel Biellese 116 milioni di euro – 9,1%

In Piemonte diminuisce il credito all’artigianato: a dicembre del 2018 il dato è -8,9% rispetto all’anno prima. La stessa situazione si verifica in tutte le regioni. Le diminuzioni meno consistenti si evidenziano in Trentino Alto Adige (-3,7%), Valle d’Aosta (-6,1%),  Liguria (-7,4%), Lombardia (-8,5%), Friuli Venezia Giulia (8,7%), Piemonte (-8,9%). Nella nostra Regione a dicembre 2018 i prestiti all’artigianato ammontano a 3.222 milioni, pari al 6,1% dei prestiti totali alle imprese, con una variazione pari al -8,9% del 2017.

In ambito provinciale si denota la seguente situazione del credito alle imprese artigiane: Biella 116 milioni (5,2% del totale) con una variazione del -9,1% rispetto al 2017; Alessandria 319 milioni (6,4% del totale) con una variazione del -13,0% rispetto al 2017; Asti 234 milioni (10,1% del totale) con una variazione del -13,9% rispetto al 2017; Biella 116 milioni (5,2% del totale) con una variazione del -9,1% rispetto al 2017; Cuneo 847 milioni (8,4% del totale) con una variazione del -7,8% rispetto al 2017; Novara 238 milioni (5,6% del totale) con una variazione del -9,6% rispetto al 2017; Torino 1.210 milioni (4,6% del totale) con una variazione del -7,5% rispetto al 2017; VCO 131 milioni (11,4% del totale) con una variazione del -3,9% rispetto al 2017; Vercelli 127 milioni (6,9% del totale) con una variazione del -12,2% rispetto al 2017.

Erogare credito sotto i cinquantamila euro non è conveniente per le banche – sottolinea Giorgio Felici, Presidente di Confartigianato Piemonte – Come se non bastasse viene accolta in media una richiesta su tre per i criteri di valutazione sempre più rigidi adottati dal sistema bancario. Oggi, chiediamo al Governo e alla Regione che il credito per le micro e piccole imprese divenga una priorità dell’agenda.”

 

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *