La Provincia di Biella > Senza categoria > A Muzzano una montagna di Eternit abbandonato
Senza categoria Valle Elvo -

A Muzzano una montagna di Eternit abbandonato

Trovate delle grosse lastre in strada delle Rive. Il sindaco Marchetti: "Dispiaciuto per tanta incivilità, sporgeremo denuncia contro ignoti"

Trovate delle grosse lastre in strada delle Rive. Il sindaco Marchetti: “Dispiaciuto per tanta incivilità, sporgeremo denuncia contro ignoti”

Una decina di grosse lastre di eternit abbandonate a cielo aperto, esattamente  in strada delle Rive, a pochi metri dal serbatoio dell’acquedotto. Ad accorgersi della presenza del materiale è stato il cantoniere del paese. Una volta scattate le fotografie, l’uomo  ha avvisato il sindaco Romano Marchetti, che nel giro di pochi minuti ha fatto un sopralluogo. Attualmente le lastre sono appoggiate sul terreno e non appaiono sgretolate. A sentire gli esperti del settore, l’eternit non è pericoloso quando è inerte, ma lo diventa se  subisce modifiche del suo status originale,  ad  esempio quando si spezza o la parte cementizia perde di consistenza e rilascia le fibre di amianto. Sono proprio quest’ultime, 1300 volte più sottili di un capello umano, a causare malattie come il mesotelioma pleurico e il carcinoma polmonare.

 «Sono veramente dispiaciuto dal fatto che possa esistere tanta inciviltà e maleducazione – spiega il primo cittadino -. Ora naturalmente sporgeremo una  denuncia contro ignoti ai Carabinieri, e poi segnaleremo il fatto all’Arpa ed alla Guardia Forestale, che faranno un sopralluogo. Sarà nostra premura provvedere al più presto allo smaltimento di queste lastre, giusto il tempo di espletare le pratiche burocratiche. Il costo dell’operazione sarà di circa 800 euro. Sono proprio arrabbiato – prosegue il sindaco -. Mi auguro che prima o dopo questi delinquenti, così li definisco, cadano nella trappola delle autorità. Malgrado la grande informazione sul buon mantenimento dell’ambiente, esistono ancora delle persone così maleducate – conclude Marchetti -, ed inconsapevoli del danno che provocano».

Mauro Pollotti

paesi@nuovprovincia.it

Articolo precedente
Articolo precedente