La Provincia di Biella > Attualità > “Occhio alle truffe di chi si spaccia per un nostro dipendente”
Attualità Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

“Occhio alle truffe di chi si spaccia per un nostro dipendente”

In relazione a recenti segnalazioni giunte da cittadini di Mongrando e all'episodio avvenuto a Cerrione, Poste Italiane ha sentito il dovere di intervenire per informare e mettere in guardia i cittadini.

In relazione a recenti segnalazioni giunte da cittadini di Mongrando e all’episodio avvenuto a Cerrione, Poste Italiane ha sentito il dovere di intervenire per informare e mettere in guardia i cittadini.

In relazione a recenti segnalazioni giunte da cittadini di Mongrando e all’episodio avvenuto a Cerrione, Poste Italiane ha sentito il dovere di intervenire per informare e mettere in guardia i cittadini.

“Nessun dipendente – spiega l’azienda – è autorizzato ad effettuare controlli domiciliari di qualsiasi genere su titoli, libretti di risparmio o della pensione, banconote o monete in possesso dei cittadini, né tantomeno a richiedere somme ad integrazione di operazioni di sportello”.

L’azienda invita quindi a diffidare di qualsiasi persona che, qualificandosi come “dipendente di Poste Italiane”, si presenti in strada o presso le abitazioni con il pretesto di effettuare verifiche di qualsiasi tipo.

“In caso di comunicazioni da parte di Poste Italiane – chiarisce ancora l’azienda – il cliente viene contattato tramite avviso o telefonata e invitato a presentarsi direttamente al proprio ufficio postale. Di fronte a richieste di dubbia o evidente illegittimità rivolte da estranei o in caso di loro comportamenti palesemente sospetti è consigliabile rivolgersi alle forze dell’ordine”.

Articolo precedente
Articolo precedente