Seguici su

Eventi e cultura

Come suonare su una zattera al Mucrone

Pubblicato

il

FuturArkestra, Webindra, Soundpainting: mi ha fatto proprio tribolare con queste parole il mio nuovo amico Gabriele Artuso, di Biella, classe 1976, insegnante di flauto traverso, musicista, flautista, contrabbassista! Adesso le scopriamo in dettaglio!
FuturArkestra, Webindra, Soundpainting: mi ha fatto proprio tribolare con queste parole il mio nuovo amico Gabriele Artuso, di Biella, classe 1976, insegnante di flauto traverso, musicista, flautista, contrabbassista! Adesso le scopriamo in dettaglio!
FuturArkestra è una “orchestra bislacca, rutilanti tessitori di trame sonore e non solo” formato da un trio jazz composto da Edoardo Cassaro, Giulio Pedrana e, appunto, Gabriele Artuso. Una delle loro performance è stata quella di suonare avendo come palco  una zattera “fluttuante” sulle acque del Lago del Mucrone: era il mese di luglio dello scorso anno. Per i forestieri in modo particolare ricordiamo che il lago in questione è un bacino montano: si trova a 1900 metri sul monte Mucrone e si raggiunge in funivia dal santuario di Oropa!
Webindra invece è il nome di un’associazione musicale (fondata dal nostro Gabriele insieme al contrabbassista Stefano Solani) dedicata a corsi ed iniziative di improvvisazione musicale. Il motivo? Perché l’improvvisazione musicale “è il modo innato di far musica dell’essere umano e lo strumento più spontaneo che ha per mettersi espressivamente in contatto con la realtà che lo circonda e la propria realtà interiore”.
La terza parola del mistero, Soundpainting, si rivela collegata di nuovo alla composizione istantanea. Questo metodo è nato negli anni ’80 a cura di Walter Thompson, compositore di New York ed è formato da un insieme di musicisti, ballerini, attori, poeti ecc. Questo progetto, che si basa sull’innovativo metodo di conduzione di ensemble creativi artistici, qui nel Biellese è condotto da Gabriele Artuso, che ha iniziato una collaborazione anche con il Conservatorio di Milano.

Non so se sono riuscito a spiegare un po’ delle molteplici attività creative di Gabriele Artuso ma ciò che vorrei far capire è che non è certo un “musicista improvvisato”. Si è infatti diplomato a pieni voti al conservatorio Verdi di Torino. Si è specializzato in studi del repertorio flautistico del Novecento, con particolare attenzione alla musica contemporanea e moderna. Ha in seguito collaborato come primo flauto con l’Orchestra di Fiati “Accademia” di Quarna (Vb) con la quale ha tenuto concerti in Italia e Francia. Svolge attività concertistica in gruppi di musica da camera. Dal 2007 ad oggi è docente dei corsi di flauto traverso per conto di Anbima, Associazione nazionale bande italiane musicali autonome e svolge progetti educativi in collaborazione con realtà del territorio biellese (CeaAndirivieni di Sala Biellese, Scuola Sonoria di Cossato, Associazione il Giardino dell’arte, Opificiodellarte, Euphoria di Ponzone…)

E poi? A ben vedere avrei materiale per scrivere almeno altre due pagine ma a questo punto mi fermo qui perché contenere Gabriele all’interno di una unica “falùspa” potrebbe essere molto molto complicato!

Massimiliano Zegna