La Provincia di Biella > Sport > RALLY DELLA LANA – Il grande ritorno
Sport Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

RALLY DELLA LANA – Il grande ritorno

Dopo la “prova del nove” della Ronde Lana, corsa l’anno scorso per iniziativa di Veglio 4x4 e Bmt Eventi, si torna a parlare di Rally della Lana questo fine settimana, a Biella.

Dopo la “prova del nove” della Ronde Lana, corsa l’anno scorso per iniziativa di Veglio 4×4 e Bmt Eventi, si torna a parlare di Rally della Lana questo fine settimana, a Biella.

Dopo la “prova del nove” della Ronde Lana, corsa l’anno scorso per iniziativa di Veglio 4×4 e Bmt Eventi, si torna a parlare di Rally della Lana questo fine settimana, a Biella.

Dopo un lungo periodo di oblio, il Rally della Lana è tornato infatti a calcare le strade del Biellese, con un’edizione “contenuta” ma importante… fosse anche solo per il nome che la identifica. La gara è stata infatti iscritta al calendario dei rally nazionali Csai come Rally Lana 30esima edizione.

Facciamo un passo indietro. La storia del rally, come molti ricorderanno, si interruppe bruscamente nel corso della 21esima edizione (si era nel 2001) a causa di un tragico quanto sfortunato incidente. Da quel punto in poi nulla di “motoristico”, per tanto tempo, fu più possibile a Biella, nonostante l’evidente fortuità dell’evento luttuoso che aveva colpito la gara.

Ora (onore al merito degli organizzatori) il Lana ritorna. Una sola giornata di gara, tre tracciati ripetuti tre volte, nessuna validità… ma gli appassionati sono tutti in fibrillazione. Molti sono infatti i piloti di oggi che, nonostante le concomitanze del periodo, non hanno voluto perdersi l’appuntamento. Come pure alcuni “grandi nomi” del Lana di allora.

Fra i primi va sicuramente citato il locale Omar Bergo, recente vincitore della Ronde Gomitolo di Lana, al via con il fido Brusati su di una Peugeot 207. Ma da “tenere d’occhio” saranno sicuramente anche gli equipaggi Bocchio-Terrini e Pinzano-Zegna (Peugeot 207). Fra i nomi “storici”, invece, da segnalare il ritorno di Dissegna-Paganelli, al via su di una Ford Fiesta, e poi Caporale-Senestraro (Ford Escort Cosworth) e Bertinotti-Varale (Renault Clio Williams).

Articolo precedente
Articolo precedente