La Provincia di Biella > Sport > Omar Bergo è il re del “Rally Lana 2015”
Sport Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Fuori provincia Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Omar Bergo è il re del “Rally Lana 2015”

Era il favorito della vigilia e non ha deluso le aspettative: Omar Bergo è il vincitore della 30ª edizione del Rally della Lana. Insieme al fidato navigatore Alberto Brusati, a bordo di una Peugeot 207 S2000, si è aggiudicato la competizione con un tempo di 45'00.9, praticamente senza rivali.

Era il favorito della vigilia e non ha deluso le aspettative: Omar Bergo è il vincitore della 30ª edizione del Rally della Lana. Insieme al fidato navigatore Alberto Brusati, a bordo di una Peugeot 207 S2000, si è aggiudicato la competizione con un tempo di 45’00.9, praticamente senza rivali.

Era il favorito della vigilia e non ha deluso le aspettative: Omar Bergo è il vincitore della 30ª edizione del Rally della Lana. Insieme al fidato navigatore Alberto Brusati, a bordo di una Peugeot 207 S2000, si è aggiudicato la competizione con un tempo di 45’00.9, praticamente senza rivali.

Sul secondo gradino del podio, un altro equipaggio biellese targato Biella Motor Team, quello formato da Giorgio Dissegna e Antonio Paganelli su Ford Fiesta R5 (46’42.1). Terza piazza, infine, per Nicolò Caneparo e il navigatore Roberto Murgia (Racing Club), la cui Mitsubishi Lancer Evo IX ha chiuso in 47’48.6.

Sfortunatissimi, invece, Alessandro Bocchio e Corrado Pinzano, fermati da un guasto alle rispettive auto (entrambe Peugeot 207 S2000) durante la penultima e l’ultima prova speciale, dopo essere stati a lungo in seconda e terza posizione.

Grande soddisfazione per Bmt Eventi e Veglio 4X4, che hanno gestito l’evento senza intoppi particolari.

“Siamo contenti di aver riportato nel Biellese, anche se partendo dal basso, una gara importante come il Rally della Lana – spiega uno degli organizzatori -. È andata molto bene, nonostante la presenza di un pubblico molto numeroso potesse creare qualche problema a livello organizzativo: solo a Biella, quando si corre, c’è così tanta affluenza. Di anno in anno miglioriamo e ogni volta si evitano piccoli errori, grazie alla fruttuosa collaborazione con Questura e Prefettura. Questore vicario e prefetto vicario ci hanno dato davvero una grandissima mano, consentendo all’apparato della sicurezza di riuscire a esprimersi al meglio”.

L’unico grande rammarico è dovuto al lutto che ha preceduto questa edizione: “Purtroppo venerdì sera è mancato uno dei commissari di percorso, un malore improvviso si è portato via Daniela Golfrè. Aveva solo 55 anni. Nel ringraziare tutti i commissari, senza i quali non si corre, il pensiero di tutti noi non può che andare a lei”.

Articolo precedente
Articolo precedente