La Provincia di Biella > Sport > Nonno sprint a 81 anni corre i 60 metri in 10 secondi
Sport Fuori provincia -

Nonno sprint a 81 anni corre i 60 metri in 10 secondi

Benito Bertaggia si conferma al primo posto tra i Master 80 ai campionati regionali indoor andati in scena nel fine settimana ad Aosta.

Nonno sprint Benito Bertaggia si conferma al primo posto tra i Master 80 ai campionati regionali indoor andati in scena nel fine settimana ad Aosta. Lo straordinario atleta di Varallo, di 81 anni, tesserato per il Gse Zegna, è sceso in pista affrontando la prova dei 60 metri nei Master 80 e ha vinto con il tempo di 10”17. A incitarlo all’urlo di “Vai Benito, vai” e filmare l’ennesima impresa la moglie Gabriella, ormai una vera e propria video operatrice.

Un risultato non brillantissimo…

«Ad Aosta ho corso in 10”17 – spiega nonno sprint-. E pensare che nel 2017 avevo fatto segnare sempre nei 60 metri un 9”67». Un passo indietro rispetto a un anno fa. Colpa degli anni? «Non credo – risponde in modo fermo Bertaggia -, dopo Natale ho avuto un raffreddore e ho dovuto rallentare la preparazione. Per fortuna sono riuscito a recuperare in tempo per i campionati regionali. Mi sono curato bene e sono guarito».

Adesso c’è il campionato italiano

E il malanno di stagione non gli ha impedito di conquistare un primo posto. Ma Bertaggia programma già i prossimi impegni: dal 23 al 25 febbraio ad Ancora ci sono i campionati italiani e poi il sogno sono gli Europei. «Si terranno a Madrid a metà marzo – racconta -. Nella mia categoria dovremmo essere in quattro o cinque. Voglio correre i 60 metri, ma anche i 200».

Lo sport mi fa bene

Alla soglia degli 81 anni Bertaggia è pronto a vivere un’altra stagione da protagonista, con l’atletica ha migliorato anche la sua vita. Dopo l’influenza ha ripreso ad allenarsi in palestra e in pista nelle giornate più calde. Lo sport, insomma, sembra proprio fare bene: «Ma quale vita di privazioni. La mia vita è migliorata da quando pratico sport, mi alzo la mattina allegro e pieno di energia e riposo come un bambino». Adesso qualcuno vorrebbe anche scrivere un libro sulla storia del runner che ha scoperto una volta in pensione la passione per la velocità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente