La Provincia di Biella > Sport > L’Angelico espugna Napoli ed è quinta
Sport Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Fuori provincia Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

L’Angelico espugna Napoli ed è quinta

Un approccio molto soft, proseguito fino a metà del terzo quarto, poi una maggior fluidità nel gioco, più canestri facili e un quarto periodo di grande solidità. Così l’Angelico supera Napoli (95-73 il risultato del PalaBarbuto), raccoglie il sesto successo in trasferta della stagione e, proiettata ai play-off, sale a quota 30 punti in classifica: quinto posto matematico.

Un approccio molto soft, proseguito fino a metà del terzo quarto, poi una maggior fluidità nel gioco, più canestri facili e un quarto periodo di grande solidità. Così l’Angelico supera Napoli (95-73 il risultato del PalaBarbuto), raccoglie il sesto successo in trasferta della stagione e, proiettata ai play-off, sale a quota 30 punti in classifica: quinto posto matematico.

Givova Flor do Cafê Napoli 73 (41)

Angelico Biella 95 (39)

Parziali: 24-15, 41-39, 56-61, 73-95.

Givova Flor do Cafê Napoli: Malaventura 23, Perrella ne, Allegretti 27, Fiorini, Bianco ne, Traballesi 1, Esposito 8, Testa, Ganeto 14, Federico ne. Coach Calvani.

Angelico Biella: Johnson 16, Chillo 12, Laquintana 5, Infante 9, Lombardi 5, Berti 3, Raymond 42, De Vico 3, Danna ne, Marzaioli. Coach Corbani.

Arbitri: Tirozzi, Chersicla, Tallon.

Un approccio molto soft, proseguito fino a metà del terzo quarto, poi una maggior fluidità nel gioco, più canestri facili e un quarto periodo di grande solidità. Così l’Angelico supera Napoli (95-73 il risultato del PalaBarbuto), raccoglie il sesto successo in trasferta della stagione e, proiettata ai play-off, sale a quota 30 punti in classifica: quinto posto matematico. Trenta e “lode”… quella che merita tutto il gruppo di Fabio Corbani ma, domenica sera, soprattutto BJ Raymond, vero e proprio trascinatore dei lanieri con 42 punti a referto e la solita doppia-doppia con 10 rimbalzi, poi 4 assit, 1 stoppata e un incredibile 51 di valutazione.

Pronti-via e Lombardi infila cinque punti, ma i padroni di casa si affidano ad Allegretti e prima restano in linea di galleggiamento e poi allungano, sino a chiudere la prima frazione con la tripla dell’ex Malavantura che fissa il parziale sul 24-15. Il secondo quarto prende il via con un duello a distanza Infante-Malaventura. Il capitano dell’Angelico fissa il 28-20, mandando a referto il suo sesto punto. Biella offre buoni segnali a rimbalzo, poi, al rientro da un time-out della Givova, migliora anche le percentuali dall’arco (con De Vico e a seguire con Laquintana, nel mezzo un lay-up di Allegretti). Napoli scatta a +4 con tre minuti scarsi da giocare prima dell’intervallo, deve però fare i conti con la devastante continuità di Raymond: l’ala Usa griffa un 7-0 (e sale a 17 punti) che regala ai biellesi il sorpasso e il +3 sul 37-34. Il match si mantiene in equilibrio: la Givova impatta sul 37 pari, poi firma il contro-sorpasso con Gabriele Ganeto, secondo ex dell’incontro. Al 20’ Napoli è così in vantaggio di un solo possesso (41-39).

Canestro di Johnson e perfetta parità, bomba di BJ Raymond e +3 Angelico: questo l’inizio di secondo tempo per gli ospiti. La coppia a stele e strisce alza i giri del motore rossoblù, Napoli si affida invece alle qualità di Allegretti. Sul 48-46 ecco il “Laquintana show”: il play di Monopoli schiaccia con una mano e firma l’ennesimo contatto dell’incontro. Con una tripla, Matteo Malaventura riporta avanti gli azzurri, Biella resta lì, sempre pronta a colpire. La partita entra poi in una fase confusa, con errori da una parte e dall’altra del campo. A due minuti dalla terza sirena i lanieri rimettono la testa avanti, coach Calvani è preoccupato e richiama i suoi in panchina. Al ritorno in campo la Givova accorcia dalla lunetta, ma è un continuo botta e risposta con Biella che riesce a collezionare nel tabellino altri quattro punti, gli ultimi della frazione: vanno a segno Matteo Chillo e Kyle Johnson per il 56-61 del 30’. L’urlo sulle triple del tandem Berti-Johnson scuote la partita dell’Angelico, a seguire ci pensa Chillo a timbrare il +10. Si apre così il miglior momento della serata per i ragazzi di coach Corbani, al comando 69-59. Non si fermano gli ospiti, più costanti in attacco e attenti in ogni zona del campo: +18, 77-59 e time-out per i padroni di casa. Sul 63-82, a cinque minuti scarsi dal game over, Napoli subisce fallo su tentativo dall’arco e va in lunetta con tre liberi: Ganeto ne realizza due. Chillo dalla media e Johnson dalla linea della carità (due su due) tengono la Givova a distanza e ipotecano il 15esimo successo in campionato. La storia da lì al 40’ non cambia. Alla fine è l’Angelico a festeggiare, braccia al cielo. Alla Givova il merito di non aver mollato per buona parte dell’incontro.

Biella saluta la regular season – riposerà nell’ultima giornata di domenica prossima – con un 95-73 che vale il volo a quota 30 punti in classifica. E il pass – il secondo consecutivo in due stagioni, quest’anno conquistato a Trapani – per un nuovo emozionante play-off.

Articolo precedente
Articolo precedente