La Provincia di Biella > Sport > La sala stampa del Forum intitolata a Gabriele Fioretti
Sport Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

La sala stampa del Forum intitolata a Gabriele Fioretti

Gabriele Fioretti ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti. Tifosi, appassionati di basket, amici e colleghi.

Gabriele Fioretti ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti. Tifosi, appassionati di basket, amici e colleghi.

Gabriele Fioretti ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti. Tifosi, appassionati di basket, amici e colleghi.

Biella e Casale, le due squadre domenica in campo al Forum, sono pronte a ricordarlo dedicandogli una delle partite più attese di tutta la stagione e un’intero pomeriggio. In occasione del derby tra Angelico e Novipiù di domenica, tra la tribuna verde e la tribuna gialla, il club ha organizzato una raccolta fondi attraverso la distribuzione, a fronte di un’offerta libertà, delle copie del romanzo che Fioretti scrisse qualche anno fa e di cui andava molto fiero: “La Parte Rimanente”. Su volontà della moglie Paola l’intero ricavato verrà poi devoluto a “Il sogno di Luca”, progetto realizzato dalla Onlus biellese SportivaMente, cooperativa sociale nata per offrire ad adulti e bimbi disabili la possibilità di integrazione e l’acquisizione del benessere psico-fisico attraverso la pratica sportiva e ludica. Il progetto “Il sogno di Luca” sostiene l’attività annuale degli atleti o le singole discipline sportive, permettendo alla Onlus di acquistare strumentazioni e attrezzature.

“Ho scelto questo progetto perché, inutile dirlo, lo sport era la sua più grande passione e perché, in fondo, Gabri lavorava per far sì che i sogni di tanti ragazzi trovassero realizzazione – spiega la stessa Paola -. So che questo aspetto era molto importante per lui, ed era una delle sue “molle”, una delle ragioni per cui si dedicava anima e corpo a Pallacanestro Biella. Lo sport come processo di crescita, come famiglia, come possibilità di riscatto, come ambiente in cui intrattenere le amicizie più profonde, come divertimento, come possibilità di realizzarsi e realizzare i propri desideri”.

Domenica, inoltre, poco prima dell’ingresso in campo delle squadre per il riscaldamento pre-partita, Pallacanestro Biella e l’amministrazione comunale della città intitoleranno a Gabriele Fioretti la sala stampa del Forum. Lì, nel cuore del palazzetto emblema dell’inizio dell’avventura biellese di Gabriele – nel 2007 addetto stampa del club – alla presenza del presidente di Pallacanestro Biella Massimo Angelico e delle massime cariche cittadine verrà inaugurata una targa dedicata alla sua memoria. L’iniziativa, voluta e sostenuta fortemente da dirigenti e soci già nei giorni successivi alla sua scomparsa, contribuirà a rendere ancora più indimenticabile la sua figura di uomo e professionista esemplare.

“Era nell’ordine del giorno del consiglio comunale – spiega il sindaco Marco Cavicchioli – una mozione, scritta dal consigliere Giuseppe Rasolo, che avrebbe impegnato la Giunta a commemorare la figura di Gabriele Fioretti. Pallacanestro Biella ci aveva già pensato senza bisogno di ulteriori stimoli e noi non possiamo che essere felici della sua scelta. Uomo di sport, protagonista di una delle pagine più alte mai scritte da una squadra biellese, ma anche giovane marito e padre capace di affrontare con coraggio il dramma e la sofferenza della malattia, Fioretti ha lasciato un segno profondo in chi lo ha conosciuto. E nell’intera città, che lo ha adottato rendendolo biellese quanto i biellesi”.

“Credo che sia una delle doti nascoste della “nostra” Biella e della squadra di pallacanestro in particolare, quella di riuscire a far sentire a casa chi è lontano da casa – aggiunge l’assessore allo Sport Teresa Barresi -. Era successo con Paolo Barlera, bolognese di nascita ma che avrebbe scelto Biella per vivere a carriera finita, a cui è dedicata la curva dove siedono i tifosi rossoblù. Ora succede con Gabriele Fioretti, un’altra vita spezzata troppo presto dalla malattia. E se Biella era diventata la sua città, il Forum era senza dubbio la sua seconda casa. E’ giusto che il suo ricordo resti vivo tra quelle mura”.

Articolo precedente
Articolo precedente