La Provincia di Biella > Sport > Angelico con il mal da trasferta
Sport Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Angelico con il mal da trasferta

Angelico con il mal da trasferta? Parrebbe di sì... ma forse anche no... I rossoblù sono reduci dalla sconfitta maturata al PalaAlberti di Barcellona Pozzo di Gotto contro la Sigma dell’ex Luca Garri. Un ko che ha leggermente “rovinato” per così dire il Natale in casa Pallacanestro Biella, dove l’attenzione è già tutta rivolta alla sfida di domenica prossima contro la Givova Napoli, in programma al Forum.

Angelico con il mal da trasferta? Parrebbe di sì… ma forse anche no… I rossoblù sono reduci dalla sconfitta maturata al PalaAlberti di Barcellona Pozzo di Gotto contro la Sigma dell’ex Luca Garri. Un ko che ha leggermente “rovinato” per così dire il Natale in casa Pallacanestro Biella, dove l’attenzione è già tutta rivolta alla sfida di domenica prossima contro la Givova Napoli, in programma al Forum.

Angelico con il mal da trasferta? Parrebbe di sì… ma forse anche no…

I rossoblù sono reduci dalla sconfitta maturata al PalaAlberti di Barcellona Pozzo di Gotto contro la Sigma dell’ex Luca Garri. Un ko che ha leggermente “rovinato” per così dire il Natale in casa Pallacanestro Biella, dove l’attenzione è già tutta rivolta alla sfida di domenica prossima contro la Givova Napoli, in programma al Forum.

Sino ad ora la squadra ha disputato 19 partite ufficiali, 13 nel campionato di serie A2 Gold e sei in EuroChallenge. In Europa il bilancio è in perfetta parità, tre successi casalinghi e altrettante sconfitte esterne, e l’eliminazione dalle Last16 è stata sancita solamente dalla differenza canestri che ha premiato gli Antwerp Giants. In Italia, il record è di sei vittorie e sette sconfitte, come sei sono le gare casalinghe e sette quelle esterne. Un solo scivolone al Forum, quello contro la Dinamica Mantova, e soltanto una affermazione lontano dal Mucrone, alla prima trasferta stagionale, in quel di Jesi. Sono dunque nove le sconfitte consecutive in trasferta, tra campionato e coppa.

L’avventura europea potrebbe avere un certo peso specifico in questo dato, così come i problemi che tanto durante la preparazione estiva (Voskuil e Raymond su tutti) quanto nella prima parte del torneo (Lombardi e De Vico in primis) hanno colpito a turno i componenti del roster biellese. Ma più che a livello fisico, l’EuroChallenge potrebbe aver tolto energie nervose a un gruppo comunque decisamente giovane e pertanto poco abituato a gestire un doppio impegno di questa caratura. Detto ciò, però, la coppa ha rappresentato senza ombra di dubbio un bagaglio di esperienza incomparabile, che saprà tornare utile nella seconda fase della stagione.

Potrebbe esserci da divertirsi allora nelle prossime settimane, anche perchè coach Fabio Corbani avrà a disposizione tutta la settimana per preparare al meglio la sfida domenicale…

E poi, grosse imbarcate l’Angelico non le ha mai subite. Anche a Kotka e a Le Mans, dove pure era andata sotto in maniera piuttosto pesante, ha saputo rialzare la testa nel finale e rendere meno amaro il passivo, così come contro Mantova e proprio a Barcellona tre giorni fa. Di fatto Biella ha perso male solo a Brescia e nel derby di Casale. Ci può stare, anche perchè sino ad ora le trasferte affrontate sono state tutte contro formazioni di spessore. Basti pensare alla Fulgor Libertas Forlì, che affrontò i rossoblù con i pezzi da novanta del calibro di Becirovic, Zizic e Carraretto e che ora invece manda a giocare la compagine Juniores.

Questa però, con tutta probabilità sarebbe un’altra storia… che meriterebbe un discorso a parte molto lungo, una storia che parlerebbe di un campionato per certi versi falsato. Come un’altra storia che andrebbe raccontata sarebbe quella riguardante la classe arbitrale, decisamente scadente quest’anno, con fischietti assolutamente impresentabili sui parquet di mezza Italia.

Ma domani è Natale… siamo tutti più buoni…

Andrea Rossetti

Articolo precedente
Articolo precedente