La Provincia di Biella > Sport > 7mila km con una bici a energia solare a… 75 anni
Sport Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

7mila km con una bici a energia solare a… 75 anni

Da Chambéry a Torino (Capitale Europea dello Sport), per un gemellaggio tra le due città, The Sun Trip 2015 (thesuntrip.com) è passato a ritmo di pedalate a energia solare anche nei luoghi dell’Ostensione della Sindone

Da Chambéry a Torino (Capitale Europea dello Sport), per un gemellaggio tra le due città, The Sun Trip 2015 (thesuntrip.com) è passato a ritmo di pedalate a energia solare anche nei luoghi dell’Ostensione della Sindone

Da Chambéry a Torino (Capitale Europea dello Sport), per un gemellaggio tra le due città, The Sun Trip 2015 (thesuntrip.com) è passato a ritmo di pedalate a energia solare anche nei luoghi dell’Ostensione della Sindone, icona trasferita dalla città savoiarda a Torino nel 1578, per abbreviare il viaggio dell’Arcivescovo di Milano, Carlo Borromeo, il quale aveva fatto voto di andare a venerare il Lino.

I ciclisti di diverse nazionalità si sono riuniti per un rally intercontinentale, con partenza ufficiale nella giornata di sabato scorso da Milano, di 7 mila chilometri attraverso Slovenia, Croazia, Bosnia, Serbia, Bulgaria e Turchia, e hanno lasciato il segno del loro passaggio anche davanti al Duomo, dove il direttore del progetto Florian Bailly ha affermato: «Coincidenza vuole che io lavori vicino al Castello di Chambéry, luogo in cui si trova una copia della Sindone».
«Per me questo viaggio – continua Florian Bailly – con le bici dotate di pannelli solari porta un messaggio di umanità, perché mette in risalto che ovunque si può trovare gente gentile, come è successo a Torino, città in cui abbiamo ricevuto un’accoglienza calorosa. C’è bisogno di tornare a guardare il mondo con un sorriso, dal momento che l’immagine che ne abbiamo è brutta e dura».

Tra i partecipanti alla maratona ciclista da segnalare la presenza anche di Adalberto Cravero, residente a Cavaglià, il decano del tour ed esempio di grande forza e coraggio. Alla età di  75 anni l’uomo si è preparato a compiere questo tragitto per un anno, studiando il prototipo di bicicletta su cui viaggerà, anche per superare un lutto recentemente subito.

Articolo precedente
Articolo precedente