La Provincia di Biella > Senza categoria > Valentina for presidente
Senza categoria Biella -

Valentina for presidente

Valentina ce l'ha fatta.  Giovedì ha sedotto l'epa di un plotone di trucidi rugbisti irlandesi che in suo onore hanno intonato a rutti birrici spiegati l'Amhràn na bhFiann, l'inno nazionale d'Irlanda.

Valentina ce l’ha fatta. 

Giovedì ha sedotto l’epa di un plotone di trucidi rugbisti irlandesi che in suo onore hanno intonato a rutti birrici spiegati l’Amhràn na bhFiann, l’inno nazionale d’Irlanda.

Valentina ce l’ha fatta.  Giovedì ha sedotto l’epa di un plotone di trucidi rugbisti irlandesi che in suo onore hanno intonato a rutti birrici spiegati l’Amhràn na bhFiann, l’inno nazionale d’Irlanda. 

La settimana prima aveva conquistato i leggiadri couturiers e le anoressiche mannequins della sfilata milanese di Tom Rebl  con un aperitivo rinforzato su colonna sonora dei Village People.  La bionda infermiera biellese, uno dei venti chef amatoriali partiti al via della quarta edizione di Masterchef, è ancora lì con altri otto a giocarsela per il titolo (e i talleri)  del migliore d’Italia ai fornelli.  Ce la farà?  Per noi ce l’ha già fatta a diventare l’ultima gloria biellese a cui affidare alcuni crucci territoriali. 

Ad esempio la difesa del nuovo Biella Infermi 2 dall’annunciato declassamento post inaugurazione col paraponzi: 80 posti letto in meno, reparti soppressi, primariati vacillanti. (“Ehi, Chiampacoso, dillo a Valentina che al nuovo ospedale, dove lavora, stai preparando il pacco: quella minimo scatena Cracco e Bastianich che ti fanno un hub come la cupola di San Gaudenzio”). 

La banda Cavicchioli potrebbe affidarle un assessorato, per esempio al turismo con mandato a sbiellare la sòla del Cashmere Express che, fin dal nome, fa cagare quasi quanto il VeryBello di Franceschini per Expo 2015.  Perfetta, per Valentina, la presidenza della Fondazione Cassa di Risparmio da aprile mùtila di Squillario: fra i tanti pretendentì variamente esperti in mangiatoria, una che il mangiare lo sa fare, eccome, farebbe proprio la differenza.

A proposito, mi dicono che oggi dovrebbe essere eletto il nuovo presidente degli italiani.  Un siciliano.   Sarà almeno capace di fare la caponata e la pasta con le sarde? 

giulianoramella@tiscali.it

Articolo precedente
Articolo precedente