La Provincia di Biella > Senza categoria > Una città spettrale
Senza categoria Biella -

Una città spettrale

Poco meno di un anno fa veniva spostato l'ospedale. Dopo pochi mesi anche l'attività paganti che veniva esercitata nella palazzina di angolo si è trasferita. La nostra Prefettura ospitata in un palazzo restaurato da pochi anni è notizia dell'altro giorno, viene accorpata a Vercelli. Da sempre la Prefettura viene considerata dai cittadini, organizzazioni,  associazioni, ecc. un punto di riferimento indispensabile. Ha sempre avuto all'interno funzionari e personale competente e aperto alla gente. Siamo sicuri di poterne fare a meno? Siamo sicuri che non sia giunto il momento di farci sentire? Quella zona è diventata spettrale, irreale.E' diventata lo specchio delle nostre difficoltà della nostra incapacità di reagire. Pensiamoci bene.

Poco meno di un anno fa veniva spostato l’ospedale. Dopo pochi mesi anche l’attività paganti che veniva esercitata nella palazzina di angolo si è trasferita. La nostra Prefettura ospitata in un palazzo restaurato da pochi anni è notizia dell’altro giorno, viene accorpata a Vercelli. Da sempre la Prefettura viene considerata dai cittadini, organizzazioni,  associazioni, ecc. un punto di riferimento indispensabile. Ha sempre avuto all’interno funzionari e personale competente e aperto alla gente. Siamo sicuri di poterne fare a meno? Siamo sicuri che non sia giunto il momento di farci sentire? Quella zona è diventata spettrale, irreale.E’ diventata lo specchio delle nostre difficoltà della nostra incapacità di reagire. Pensiamoci bene.
Poco meno di un anno fa veniva spostato l’ospedale. Dopo pochi mesi anche l’attività paganti che veniva esercitata nella palazzina di angolo si è trasferita. La nostra Prefettura ospitata in un palazzo restaurato da pochi anni è notizia dell’altro giorno, viene accorpata a Vercelli. Da sempre la Prefettura viene considerata dai cittadini, organizzazioni,  associazioni, ecc. un punto di riferimento indispensabile. Ha sempre avuto all’interno funzionari e personale competente e aperto alla gente. Siamo sicuri di poterne fare a meno? Siamo sicuri che non sia giunto il momento di farci sentire? Quella zona è diventata spettrale, irreale.E’ diventata lo specchio delle nostre difficoltà della nostra incapacità di reagire. Pensiamoci bene.
Antonio Montoro
Articolo precedente
Articolo precedente