La Provincia di Biella > Senza categoria > Un “esercito” di 28 nuove guide naturalistiche
Senza categoria Valli Mosso e Sessera -

Un “esercito” di 28 nuove guide naturalistiche

Ci sono 28 nuove guide pronte a portare i turisti alla scoperta dell’alta Valsessera. Venerdì sera in sala Biagi a Valle Mosso sono stati consegnati gli attestati del corso per accompagnatore naturalistico e guida escursionistica ambientale.

Ci sono 28 nuove guide pronte a portare i turisti alla scoperta dell’alta Valsessera. Venerdì sera in sala Biagi a Valle Mosso sono stati consegnati gli attestati del corso per accompagnatore naturalistico e guida escursionistica ambientale.

Ci sono 28 nuove guide pronte a portare i turisti alla scoperta dell’alta Valsessera. Venerdì sera in sala Biagi a Valle Mosso sono stati consegnati gli attestati del corso per accompagnatore naturalistico e guida escursionistica ambientale. A ricevere l’attestato sono stati: Matteo Barberis Organista, Omar Bianchetto, Emanuele Bissacca, Lavina Bozzalla Biondo, Fabrizio Calatti, Silvia Chersich, Cristiano Dellora, Maria Laura Delpiano, Mauro Fanelli, Michela Ferara, Giuseppe Fiorenza, Alessandra Foglia Parrucin, Federico Foglia Parrucin, Andrea Gesiot, Edoardo Lovison, Fiorella Garrizzo, Matteo Narcetti, Matteo Negro, Margherita Polidori, Arturo Ramella Bagneri, Giuditta Ramella Gal, Maurizio Regis, Raffaella Restelli, Luca Rosso, Davide Rossotto, Lorenzo Sogno Fortuna, Marco Tallia, Lara Tomiello.
Ora il loro obiettivo è quello di organizzarsi in una associazione e proporre una serie di visite ai turisti nell’area archeo-mineraria dell’alta Valsessera.

Il corso, come ha spiegato il sindaco di Trivero Massimo Biasetti, è parte integrante del progetto “Valorizzazione dell’area archeo-mineraria dell’Alta Valsessera” finanziato dalla Compagnia di San Paolo, con il contributo della Comunità Montana Val Sessera, Valle di Mosso e Prealpi Biellesi, dei comuni di Mosso e Valle Mosso. Alla premiazione hanno partecipato la ex presidente della Comunità Montana oltre ai sindaci di Mosso e Valle Mosso che hanno appoggiato il progetto.

Articolo precedente
Articolo precedente