La Provincia di Biella > Senza categoria > “Tariffa puntuale a Biella, per Seab è la sfida più grande”
Senza categoria Basso Biellese Biella Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

“Tariffa puntuale a Biella, per Seab è la sfida più grande”

“L’introduzione a Biella del sistema di Tariffa Puntuale per la raccolta differenziata dei rifiuti è la maggiore sfida che Seab si sia mai trovata ad affrontare”. Così l’amministratore delegato Silvio Belletti commenta la delibera di giunta con cui si modifica radicalmente il sistema.

“L’introduzione a Biella del sistema di Tariffa Puntuale per la raccolta differenziata dei rifiuti è la maggiore sfida che Seab si sia mai trovata ad affrontare”. Così l’amministratore delegato Silvio Belletti commenta la delibera di giunta con cui si modifica radicalmente il sistema.

“L’introduzione a Biella del sistema di Tariffa Puntuale per la raccolta differenziata dei rifiuti è la maggiore sfida che Seab si sia mai trovata ad affrontare”. Così l’amministratore delegato Silvio Belletti commenta la delibera di giunta con cui si modifica radicalmente il sistema.

“Nella Tariffa Puntuale abbiamo sempre creduto, ancora di più dopo aver visto i risultati ottenuti a Cossato e forti di rapporti consolidati con le più note ed efficienti aziende nazionali del settore, il che ci permette di contare sugli strumenti più innovativi sul mercato”.

“E’ d’obbligo un ringraziamento al sindaco Marco Cavicchioli – prosegue Belletti – e a tutta la sua giunta per la fiducia che ci hanno accordato. Già domani saremo al lavoro per predisporre l’operazione, che comprende la verifica casa per casa di tutte le utenze cittadine, in modo da trovarci pronti alla scadenza del 1° gennaio 2016, quando il servizio sarà operativo a tutti gli effetti”.

Sulla scorta delle esperienze già maturate Seab ha già studiato per Biella significativi miglioramenti. “Ad esempio metteremo on line un sito internet grazie a cui ogni cittadino potrà controllare in tempo reale il numero dei propri conferimenti e quindi anche quanto dovrà pagare. Inoltre per evitare qualsiasi tipo di elusione abbiamo pronto un sistema georeferenziale con cui in tempo reale possiamo tenere sotto controllo la situazione della raccolta in più di 26mila utenze. Siamo comunque pronti a personalizzare il servizio dove ce n’è effettivamente bisogno e quindi proporremo all’amministrazione tariffe scontate per chi ha in casa un anziano, un malato oppure un bambino e ha quindi bisogno di conferire con maggiore frequenza pannoloni o pannolini”.

Articolo precedente
Articolo precedente