La Provincia di Biella > Senza categoria > Settanta futuri infermieri in visita al Nuovo Ospedale
Senza categoria Biella -

Settanta futuri infermieri in visita al Nuovo Ospedale

Martedì Gianfranco Zulian e Antonella Croso, in qualità di docenti, hanno accompagnato al Nuovo Ospedale 70 studenti che stanno frequentando il terzo anno del Corso di Laurea in Infermieristica - sede di Biella, corso coordinato da Alberto Dal Molin, per far conoscere loro la struttura ed illustrare le innovazioni organizzative e di tipo assistenziale che saranno utilizzate nel nosocomio.

Martedì Gianfranco Zulian e Antonella Croso, in qualità di docenti, hanno accompagnato al Nuovo Ospedale 70 studenti che stanno frequentando il terzo anno del Corso di Laurea in Infermieristica – sede di Biella, corso coordinato da Alberto Dal Molin, per far conoscere loro la struttura ed illustrare le innovazioni organizzative e di tipo assistenziale che saranno utilizzate nel nosocomio.

Martedì Gianfranco Zulian e Antonella Croso, in qualità di docenti, hanno accompagnato al Nuovo Ospedale 70 studenti che stanno frequentando il terzo anno del Corso di Laurea in Infermieristica – sede di Biella, corso coordinato da Alberto Dal Molin, per far conoscere loro la struttura ed illustrare le innovazioni organizzative e di tipo assistenziale che saranno utilizzate nel nosocomio.

Gianfranco Zulian, oltre ad essere Direttore Generale dell’ASL BI, è infatti docente di “Economia e Organizzazione Aziendale” presso il Corso di Laurea, mentre Antonella Croso, Responsabile della Struttura Semplice Direzione delle Professioni Sanitarie, è docente di “Regolamento e Legislazione delle Professioni Sanitarie”. Accompagnando gli studenti, il Direttore Generale ha illustrato le caratteristiche strutturali del Nuovo Ospedale, le tecnologie all’avanguardia, la nuova organizzazione nel suo complesso (aree ambulatoriali, aree di servizio) e ha spiegato il concetto di “intensità di cura” con cui verranno organizzate le degenze.

I ragazzi sono rimasti favorevolmente colpiti dalla nuova struttura, ed in particolare dalle camere di degenza, dai dispositivi di chiamata installati nelle stanze e dalla grandezza del Blocco Operatorio. Hanno anche chiesto dove fossero collocati spogliatoi e mensa ed alcuni di loro si sono augurati di poter intraprendere la professione infermieristica proprio presso il Nuovo Ospedale.

Articolo precedente
Articolo precedente