La Provincia di Biella > Senza categoria > Rifiuti, anche Riva e Centro passeranno alla nuova modalità di raccolta
Senza categoria Biella -

Rifiuti, anche Riva e Centro passeranno alla nuova modalità di raccolta

Riva e Centro saranno gli ultimi due quartieri della città ad adeguarsi, a partire da maggio, alla nuova modalità di raccolta rifiuti, con il passaggio solo settimanale per la raccolta della frazione indifferenziata.

Riva e Centro saranno gli ultimi due quartieri della città ad adeguarsi, a partire da maggio, alla nuova modalità di raccolta rifiuti, con il passaggio solo settimanale per la raccolta della frazione indifferenziata.

Riva e Centro saranno gli ultimi due quartieri della città ad adeguarsi, a partire da maggio, alla nuova modalità di raccolta rifiuti, con il passaggio solo settimanale per la raccolta della frazione indifferenziata. Per spiegare le novità ai cittadini e risolvere i loro dubbi, è stato organizzato un incontro pubblico, in programma mercoledì 29 aprile a partire dalle 21 nella sala conferenze del Museo del Territorio, al Chiostro di San Sebastiano in via Quintino Sella. Parteciperanno il sindaco Marco Cavicchioli, l’assessore all’ambiente Diego Presa e i rappresentanti di Seab, la società che si occupa della raccolta rifiuti in città.

«Questa modalità comporta qualche attenzione in più da parte dei cittadini – sottolinea Diego Presa -, ma porta risultati positivi. Il primo è un risparmio di 350mila euro su base annua sui costi fissi della raccolta rifiuti, dovuti al minor passaggio dei mezzi. Il secondo, come stiamo vedendo nei primi mesi del 2015, è dato dall’incremento percentuale della raccolta differenziata. La crescita rispetto alla media del 2014 è di oltre il 3% e, con le proiezioni della quota di “assimilati”, ovvero i rifiuti smaltiti in autonomia da imprese commerciali e terziarie, abbiamo, per la prima volta, superato la quota del 60%. A partire dal 1° di maggio anche i quartieri Riva e Centro saranno coinvolti in questa operazione che sicuramente ci avvicinerà all’obiettivo europeo del 65%».

Articolo precedente
Articolo precedente