La Provincia di Biella > Senza categoria > Quella cassiera che si disinfetta le mani
Senza categoria Biella -

Quella cassiera che si disinfetta le mani

Il denaro sporco non si presenta alla cassa con un tavernello e delle patatine. Il denaro sporco è quello che compra i destini degli uomini, compresi quelli di quei ragazzi che dormono sulle panchine dei giardini grazie agli alcolici ed alle droghe messe sul mercato da uomini che spesso si presentano in giacca e cravatta, profumati e col gel nei capelli.

Il denaro sporco non si presenta alla cassa con un tavernello e delle patatine. Il denaro sporco è quello che compra i destini degli uomini, compresi quelli di quei ragazzi che dormono sulle panchine dei giardini grazie agli alcolici ed alle droghe messe sul mercato da uomini che spesso si presentano in giacca e cravatta, profumati e col gel nei capelli.

Una settimana fa mi è capitato d’assistere ad una scena che m’ha fatto riflettere. Un ragazzo di quelli che hanno dimora fissa ai giardinetti ha comprato un pacchetto di patatine ed ha pagato alla casa con poche monete il suo prezioso acquisto.

La signora alla cassa subito dopo aver posato le monete si è disinfettata le mani.

Stupito le ho chiesto se lo facesse ogni volta che toccava il denaro e lei mi ha risposto: no, no ma questi mi fanno…

Non ho potuto non fare delle riflessioni sul gesto di questa signora che non ha capito che il denaro più sporco non è quello che passa dalle mani.

Il denaro sporco non si presenta alla cassa con un tavernello e delle patatine. Il denaro sporco è quello che compra i destini degli uomini, compresi quelli di quei ragazzi che dormono sulle panchine dei giardini grazie agli alcolici ed alle droghe messe sul mercato da uomini che spesso si presentano in giacca e cravatta, profumati e col gel nei capelli.

Non possiamo lavarci le mani davanti al denaro sporco, possiamo solo lasciare che siano pulite le nostre azioni quotidiane compreso l’aiuto a chi non ha più niente, nemmeno la facoltà di decidere di non distruggersi e riprovare ad amarsi.

Cara signora, pensi se la sua coscienza si sporcasse ogni volta che sotto ai suoi occhi passa denaro veramente sporco, sporco delle menti che l’hanno governato e di quelle che ne sono state comprate o travolte.

E’ difficile da comprendere in un mondo costruito su preconcetti facili quanto stupidi che le mani sono veramente sporche se toccano in modo subdolo le anime degli uomini.

Le mani che stringono per rendere schiavi, per soggiogare, per ingannare.

Allora faccio una bella proposta alla mia cara cassiera: o si disinfetta sempre le mani perché il denaro è sporco a prescindere da chi lo consegna, oppure le lava a fine turno e mentre lo fa si pone questa piccola domanda: chissà quanti delinquenti irriconoscibili oggi mi sono passati davanti e non li ho notati… chissà prima e dopo quei 4 ragazzi dei giardinetti coi loro stracci, il loro tavernello e le patatine, quanto denaro sporco mi è scivolato sulla coscienza senza che nemmeno lo sapessi…

Vedrà cara sig.ra che comincerà a guardare il mondo con occhi diversi ma sicuramente più attenti alle verità nascoste.

 Alberto Scicolone

La rubrica di Alberto Scicolone viene pubblicata ogni mercoledi’ sulla Nuova Provincia di Biella

Articolo precedente
Articolo precedente