La Provincia di Biella > Senza categoria > Parcheggi a pagamento, la sfiga di non vivere a Ponderano
Senza categoria Biella -

Parcheggi a pagamento, la sfiga di non vivere a Ponderano

Il partito politico Fratelli d’Italia e una loro sorella , la Sindaca di Ponderano Elena Chiorino, vogliono che i biellesi paghino la sosta nel parcheggio del nuovo ospedale degli infermi di Ponderano, punto. Il recente blitz con controproposta di gratuità per tutti gli stalli del nuovo ospedale avanzata a microfoni unificati, da Comune di Biella e Provincia ha persino risvegliato a riguardo lo smaug nostrano Andrea Del Mastro che ha fatto fuoco e fiamme sui media locali a difesa della ‘sua’ Sindaca Chiorino e della loro scelta di far pagare i parcheggi del nosocomio ai biellesi per i prossimi decenni.

Il partito politico Fratelli d’Italia e una loro sorella , la Sindaca di Ponderano Elena Chiorino, vogliono che i biellesi paghino la sosta nel parcheggio del nuovo ospedale degli infermi di Ponderano, punto. Il recente blitz con controproposta di gratuità per tutti gli stalli del nuovo ospedale avanzata a microfoni unificati, da Comune di Biella e Provincia ha persino risvegliato a riguardo lo smaug nostrano Andrea Del Mastro che ha fatto fuoco e fiamme sui media locali a difesa della ‘sua’ Sindaca Chiorino e della loro scelta di far pagare i parcheggi del nosocomio ai biellesi per i prossimi decenni.

Il partito politico Fratelli d’Italia e una loro sorella , la Sindaca di Ponderano Elena Chiorino, vogliono che i biellesi paghino la sosta nel parcheggio del nuovo ospedale degli infermi di Ponderano, punto. Il recente blitz con controproposta di gratuità per tutti gli stalli del nuovo ospedale avanzata a microfoni unificati, da Comune di Biella e Provincia ha persino risvegliato a riguardo lo smaug nostrano Andrea Del Mastro che ha fatto fuoco e fiamme sui media locali a difesa della ‘sua’ Sindaca Chiorino e della loro scelta di far pagare i parcheggi del nosocomio ai biellesi per i prossimi decenni.

Se, tra i Sindaci, non passa la linea della gratuità avanzata da Biella e Provincia con autotassazione pro-capite di ogni Comune biellese per gestire l’ordinaria manutenzione del parcheggio pubblico, la Sindaca Chiorino ha annunciato entro due settimane il rilancio: ‘bando per l’individuazione di un concessionario per far pagare l’effettivo tempo di sosta ma possibilità per ciascun comune di accollarsi il costo di sosta dei propri abitanti’.

In buona sostanza, se si andrà a bando, l’amministrazione di Ponderano emanerà un ‘aparkheid di cittadinanza’ che riepilogo: se sei un biellese ma hai la jella di risiedere in un comune in deficit di bilancio che non può pagare ai propri residenti il parcheggio gratuito all’ospedale , sarai un biellese doppiamente sfigato perché dovrai pagarti pure lo stallo auto oltre che recarti in un luogo di poche gioie e molti dolori qual è un ospedale.

Cortese Sindaca di Ponderano signora Elena Chiorino, ma davvero tutti noi amministratori del comprensorio non avevamo alternativa alle anacronistiche quanto ridicole questioni di confine tra Biella e Ponderano utili solo ai propri orti politici ? Dico qualcosa di poco reazionario o troppo rivoluzionario o è buon senso amministrativo se penso da sempre che la soluzione migliore fosse riunire a priori gli stati generali del biellese per iniziare un percorso di fusione o incorporazione dei comuni per aree omogenee ( salvaguardando usi, costumi, tradizioni e rappresentatività di ciascun ex comune e penso a Biella, con Ponderano, le Occhieppo, Gaglianico fino a Vigliano e Candelo tagliando, tra l’altro, poltrone da sindaci e strapuntini da consiglieri comunali )?  Dare finalmente un peso demografico e nuova linfa economica ad un comprensorio biellese sospeso tra l’oblio e l’agonia, grazie ai finanziamenti pluriennali e agli sforamenti del patto di stabilità concessi per le fusioni o incorporazioni tra comuni da apposite leggi regionali e nazionali, non ci avrebbe forse aiutato ad aprirci oltre i nostri confini che sono solo mentali?

Saremmo tornati pionieri biellesi in Patria come non accadeva dal dopoguerra facendo politica con la ‘P’ maiuscola per il territorio e lei, Sindaca Chiorino, sarebbe una protagonista al tavolo della trattativa di fusione tra i comuni, in grado persino di oscurare il suo mentore politico Andrea Del Mastro che sarà pure un Fratello d’Italia ma che in questa partita dei parcheggi a pagamento si è palesato un lontano cugino di terzo grado per tutti i biellesi.

 Benito Maria Possemato

(Consigliere comunale I love Biella)

Articolo precedente
Articolo precedente