La Provincia di Biella > Senza categoria > Nuovo ospedale, è tempo di provare le 5mila chiavi
Senza categoria Basso Biellese Circondario Cossatese Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Nuovo ospedale, è tempo di provare le 5mila chiavi

Sono state consegnate in diversi mazzi per ciascuna area, ma, essendo sprovviste di indicazioni sulla loro collocazione, devono essere verificate una ad una ed assegnate al relativo locale. Ogni giorno, almeno due persone si dedicano con meticolosità ed attenzione a queste operazioni, nei momenti in cui non sono impegnati con interventi di manutenzione.

Sono state consegnate in diversi mazzi per ciascuna area, ma, essendo sprovviste di indicazioni sulla loro collocazione, devono essere verificate una ad una ed assegnate al relativo locale. Ogni giorno, almeno due persone si dedicano con meticolosità ed attenzione a queste operazioni, nei momenti in cui non sono impegnati con interventi di manutenzione.

Parallelamente alle operazioni di allestimento delle aree di degenza, degli ambulatori, degli uffici e alle attività formative rivolte al personale dell’ASL BI per familiarizzare con ambienti e percorsi del nuovo ospedale, stanno proseguendo una serie di lavori, meno appariscenti, ma fondamentali, per garantire il buon funzionamento e la sicurezza dell’intera struttura ospedaliera. Tra questi, la prova delle circa 5.000 chiavi, che sono state consegnate in diversi mazzi per ciascuna area, ma che, essendo sprovviste di indicazioni sulla loro collocazione, devono essere verificate ad una ad una ed assegnate al relativo locale.

Il personale tecnico della Struttura Complessa Servizi Tecnici e Manutentivi, diretta da Vincenzo Amoruso, è dunque impegnato nelle operazioni di assegnazione e di etichettatura delle chiavi per ciascuno degli ambienti di cui il nuovo ospedale dispone. Ogni giorno, almeno due persone si dedicano con meticolosità ed attenzione a queste operazioni, nei momenti in cui non sono impegnati con interventi di manutenzione al “degli Infermi”.

Spiega Amoruso: «Nello specifico, sono state predisposte due tipologie di chiave: una per le porte antincendio ed una “tradizionale” per quelle comuni. Ad assegnazione avvenuta, le chiavi già provviste di etichetta, indicante il numero della porta corrispondente, saranno riposte in appositi locali monitorati. Ogni singola chiave avrà più duplicati».

Le chiavi delle porte comuni sono tutte a doppia facciata ed è possibile duplicarle solo disponendo dell’apposita apparecchiatura; la scelta dell’Azienda è infatti ricaduta sull’acquisto di un piccolo macchinario che consente l’esecuzione delle copie. Questa soluzione, che tiene conto anche del costo del macchinario stesso, risulta meno onerosa rispetto all’ipotesi di rivolgersi ad un servizio esterno.

Attualmente, tutte le chiavi del quarto piano, dove hanno sede gli uffici amministrativi, sono state assegnate agli ambienti e ai loro titolari. Gli operatori dei Servizi Tecnici e Manutentivi stanno attualmente procedendo con la prova delle chiavi nelle aree di degenza, nelle aree ambulatoriali e in tutti i locali presenti nei restanti piani del nuovo ospedale, dando priorità a quelli in cui sono già stati effettuati i lavori di pulizia, dove sono stati installati i primi arredi o utilizzati come locali di stoccaggio. L’obiettivo è infatti quello di garantire la massima sicurezza dei materiali che sono presenti nella struttura e di mantenere il più possibile puliti gli spazi in cui sono già intervenuti gli addetti alle pulizie. Infine, gli operatori stanno provvedendo ad identificare le chiavi di tutte le porte esterne sempre a garanzia della sicurezza dell’ospedale.

Articolo precedente
Articolo precedente