La Provincia di Biella > Senza categoria > “Leone difende l’indifendibile. Ci è o ci fa?”
Senza categoria Biella -

“Leone difende l’indifendibile. Ci è o ci fa?”

Andrea Delmastro risponde a Sergio Leone che criticava l'accanimento mediatico nei confronti dell'assessore Valeria Varnero.

Andrea Delmastro risponde a Sergio Leone che criticava l’accanimento mediatico nei confronti dell’assessore Valeria Varnero.

Andrea Delmastro risponde a Sergio Leone che criticava l’accanimento mediatico nei confronti dell’assessore Valeria Varnero.

Leggo il solito intervento di Leone in difesa dell’indifendibile.

La domanda è se ci è o ci fa.

Dopo aver tentato vanamente di resistere, contra legem, nell’incarico professionale, l’Arch. Varnero annuncia di lasciare l’incarico.

Il dettato normativo è chiaro e non prevede nessuno sforzo interpretativo.

Recita, infatti, l’art. 78 TUEL  “I componenti la giunta comunale competenti in materia di urbanistica, di edilizia e di lavori pubblici devono astenersi dall’esercitare attività professionale in materia di edilizia privata e pubblica nel territorio da essi amministrato”

DEVONO! NON POSSONO!

Leone dice di essere soddisfatto dei chiarimenti dell’Arc. Varnero.

Stia tranquillo anche noi siamo soddisfatti da quando ha annunciato, dopo il tentativo di resistere, di inginocchiarsi al dettato normativo e quindi di dismettere l’incarico.

Il fatto è che l’Arch. Varnero si è dimessa, dopo aver tentato di resistere.

Mi hanno insegnato a non infierire sul nemico vinto, ma anche il vinto deve avere l’accortezza e l’intelligenza politica (che evidentemente a Leone manca) di non spacciarsi per vincitore.

Leone sa che Varnero ha annunciato che lascerà l’incarico?

O come sempre è fuori tempo massimo e ha scritto la sua velenosa lettera quando ancora le truppe cammellate tentavano una vana resistenza?

Leone è personaggio così fuori tempo che fa tenerezza evocando scene in bianco e nero da controordine compagni di Guareschi.

Il problema è che il contro ordine questa volta e arrivato in ritardo e Leone ha forato l’ennesima gomma.

E ancora, esercitando l’Arch. Varnero la professione a Biella per un incarico preciso e da noi segnalato, vi è qualcuno a Biella, avvocato, ingegnere, operaio, collaboratore domestico, imprenditore o studente, che possa mettere in discussione che violava una normativa che, viceversa, poneva l’obbligo di astenersi?

Solo Leone potrebbe sostenere il contrario!

Ma Leone – pur senza esplicitarle – sostiene di aver ricevuto pareri difformi da Cavicchioli.

E quali sarebbero?

E soprattutto, se veramente così fosse perché dopo tre giorni di trincea, l’Arch. Varnero ha ceduto di schianto e ha annunciato di dismettere l’incarico e quindi  – bontà sua – di rispettare la normativa?

Per Fratelli di Italia

Andrea Delmastro delle Vedove

Articolo precedente
Articolo precedente