La Provincia di Biella > Senza categoria > Il mistero dell’inchiesta pre-elettorale
Senza categoria Biella -

Il mistero dell’inchiesta pre-elettorale

Da qualche giorno a questa parte ai cittadini arrivano curiose telefonate

Da qualche giorno a questa parte ai cittadini arrivano curiose telefonate

 E’ da qualche giorno che gli occhieppesi ricevono delle telefonate sui numeri fissi da parte di un’agenzia che pare si occupi di sondaggi pre elettorali. Dopo che l’utente risponde, la prima domanda posta è all’indirizzo dell’attuale giunta, difatti, l’operatore chiede al cittadino sul grado di successo circa l’operato del sindaco Emanuele Ramella Pralungo e dei suoi stretti collaboratori. Poi le domande successive sono incentrate su alcuni dati, ad esempio da quanti aventi diritto al voto è formata la  famiglia, che cosa ne pensano dell’amministrazione comunale, chiedendo una valutazione dall’uno a cinque e se sono intenzionati a votarla in occasione delle prossime elezioni amministrative, previste per la primavera del prossimo anno. L’ultima domanda è invece un vero e proprio sondaggio politico: “Quali dei seguenti nomi vorrebbe come sindaco? Marco Bettin, Guido Della Rovere, Daniele Pezzo ed Enrico Grillo”. Naturalmente questa iniziativa, chiamiamola assolutamente pre elettorale, è giunta alle orecchie del sindaco Ramella, il quale senza scomporsi più di tanto ha commentato: «Tutto è legittimo. Ora io non so chi abbia commissionato questo sondaggio all’agenzia preposta. Sia comunque chiaro a tutti che non si tratta di una iniziativa dell’amministrazione comunale. Non è nostra intenzione spendere, anzi buttare via in questo modo i soldi dei cittadini. Certo che i committenti, dimostrano ampiamente di non avere il senso del paese. I politici, soprattutto quelli come noi che, amministrano delle piccole realtà, devono capire da se quello che i cittadini pensano. Quando tutto ciò viene a mancare, è un segnale che non hanno le basi giuste per governare. Già il fatto che vengono proposti quattro nomi – conclude Ramella -, la dice lunga, si tratta solamente di una corsa alla sedia».

Articolo precedente
Articolo precedente