La Provincia di Biella > Senza categoria > E’ biellese il miracolato finito con l’auto sui binari del treno
Senza categoria -

E’ biellese il miracolato finito con l’auto sui binari del treno

Pauroso incidente per un 40enne

E’ biellese il miracolato finito con l’auto sui binari del treno
Pauroso incidente
Rocambolesco e pericoloso incidente per un automobilista biellese. È un quarantenne residente nella nostra provincia, infatti, l’uomo che ieri ha perso il controllo della propria vettura, è uscito di strada sfondando una recinzione ed è finito sui binari. Leggi qui
L’incidente si è verificato martedì, poco dopo l’ora di pranzo, a Ghislarengo. Al volante di una Opel, l’uomo stava viaggiando lungo via Rovasenda quando all’improvviso qualcosa è andato storto: affrontando una curva è finito contro la massicciata che separa la strada dalla linea ferrata. L’impatto è stato violento e l’auto ha sfondato la barriera, “saltando” sui binari.
Nonostante le ferite, il quarantenne è riuscito a scendere dalla macchina e ad allontanarsi barcollando, andando a sedersi poco distante. Nel frattempo è stato dato l’allarme. Oltre al 118, intervenuto in soccorso dell’automobilista, si sono attivati anche i carabinieri, che hanno immediatamente allertato il personale di Rfi. L’azienda si è quindi messa in contatto con il macchinista del treno Biella-Novara, che entro pochi minuti, verso l’una, sarebbe dovuto transitare proprio dalla stazione di Ghislarengo. Il conducente ha quindi avviato la procedura di rallentamento, riuscendo a fermare il convoglio proprio nel momento in cui si stava “appoggiando” alla macchina, ancora ferma sui binari. L’impatto, dunque, è stato molto lieve e nessuno dei passeggeri è rimasto ferito. Leggi qui
L’incidente ha provocato un inevitabile ritardo. Una volta liberata la linea, però, il treno ha potuto riprendere la propria corsa regolarmente, circa quaranta minuti dopo.
La Opel, ovviamente non marciante, è stata recuperata da un carro attrezzi.
Per quanto riguarda l’automobilista, è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Andrea di Vercelli. Era ferito, con sospette fratture, ma non in pericolo di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente