La Provincia di Biella > Senza categoria > Due biellesi combattono gli incendi nel Gargano
Senza categoria Basso Biellese Circondario Cossatese Fuori provincia Valle Cervo Valle Elvo Valli Mosso e Sessera -

Due biellesi combattono gli incendi nel Gargano

Dalla settimana scorsa, anche gli operatori antincendi boschivi volontari del Corpo Aib Piemonte provinciale, sono dislocati presso la caserma “Jacotenente” nel Gargano, in Puglia, per fronteggiare l’emergenza incendi boschivi nella stagione estiva.

Dalla settimana scorsa, anche gli operatori antincendi boschivi volontari del Corpo Aib Piemonte provinciale, sono dislocati presso la caserma “Jacotenente” nel Gargano, in Puglia, per fronteggiare l’emergenza incendi boschivi nella stagione estiva.

Dalla settimana scorsa, anche gli operatori antincendi boschivi volontari del Corpo Aib Piemonte provinciale, sono dislocati presso la caserma “Jacotenente” nel Gargano, in Puglia, per fronteggiare l’emergenza incendi boschivi nella stagione estiva.

Attualmente stanno operando, a turnazione, otto volontari delle provincie di Cuneo, Asti e Alessandria con due mezzi antincendio, coordinati dal team leader Rodolfo Gilardi, ispettore provinciale di Biella, ed il suo collega Filippo Ferrarotti, comandante distaccamento Area 42 della squadra di Biella.

L’avvicendamento dei volontari avverrà settimanalmente utilizzando un piccolo autobus mentre, sul territorio, resteranno per tutto il periodo i mezzi della colonna mobile.

“L’intervento – spiega Gilardi – è stato richiesto direttamente dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile essendo la nostra associazione, dal novembre scorso, inserita nell’ Elenco Centrale del Dipartimento stesso. Le risorse impiegate sono notevolmente ridotte rispetto ai contingenti delle missioni 2008, 2009 e 2010 in quanto sono presenti anche associazioni di altre Regioni con le quali i nostri volontari operano in sinergia. Al momento l’impegno è limitato alle quattro settimane del mese di luglio, però non è da escludere la possibilità di un prolungamento per il mese successivo”.

Articolo precedente
Articolo precedente