La Provincia di Biella > Senza categoria > “Consiglieri regionali graziati, invalidi sfruttati”
Senza categoria Biella -

“Consiglieri regionali graziati, invalidi sfruttati”

Antonio Montoro: "Da notizie stampa si legge che molti ex consiglieri regionali hanno diritto alla (meritata?) pensione dopo i 50 anni di età, mentre gli invalidi parziali devono attendere di raggiungere i 68-70 anni".

Antonio Montoro: “Da notizie stampa si legge che molti ex consiglieri regionali hanno diritto alla (meritata?) pensione dopo i 50 anni di età, mentre gli invalidi parziali devono attendere di raggiungere i 68-70 anni”.

Da notizie stampa si legge che molti ex consiglieri regionali hanno diritto alla (meritata?) pensione dopo i 50 anni di età, mentre gli invalidi parziali devono attendere di raggiungere i 68-70 anni.

Ai primi bastano pochi anni di “lavoro”, agli invalidi con percentuale compresa fra il 46 e il 74% si chiede di lavorare almeno 43 anni per avere diritto all’assegno anticipato.

Se sei ultracinquantenne disoccupato, non hai più speranza.

Vedere una casta che usufruisce di ingiustificati e ingiustificabili privilegi, con lauti assegni, fa aumentare la rabbia e la frustrazione.

Con il tempo, arriva quel senso di solitudine che ti accompagna ogni giorno, il pensiero di non farcela, quel senso di angoscia portato dalla salute che non ti rende competitivo.

Questo è il pensiero costante di chi convive con un handicap.

A un invalido che ha lavorato per 35/40 anni non si può chiedere di più.

Pensateci bene, politici giovani, sani e in pensione. Il buon senso e la giustizia, a mio modesto parere, richiederebbero una situazione esattamente contraria.

Antonio Montoro

Articolo precedente
Articolo precedente