La Provincia di Biella > Senza categoria > C’era una volta il Pd
Senza categoria Biella -

C’era una volta il Pd

"Sentire compagni che non vogliono più iscriversi al PD comunque mi fa piangere il cuore.  Chi per un motivo chi per l'altro.  So solo che senza  di loro non sarà più lo stesso PD". Questa prosa fra il sentimentale e il melò appartiene a Paolo Furia, segretario politico del PD biellese

“Sentire compagni che non vogliono più iscriversi al PD comunque mi fa piangere il cuore.  Chi per un motivo chi per l’altro.  So solo che senza  di loro non sarà più lo stesso PD”. Questa prosa fra il sentimentale e il melò appartiene a Paolo Furia, segretario politico del PD biellese

“Sentire compagni che non vogliono più iscriversi al PD comunque mi fa piangere il cuore.  Chi per un motivo chi per l’altro.  So solo che senza  di loro non sarà più lo stesso PD.  Chissà su quale tavolo andremo a giocare la lotta per una società migliore. (…)  Mi chiedo dove lotteranno, perchè so che lo faranno, i miei compagni che non si iscrivono più.  So che ci sono molti altri modi per essere utili”.

Questa prosa fra il sentimentale e il melò appartiene a Paolo Furia, segretario politico del PD biellese già segretario regionale dei giovani del partito, che ha affidato a facebook il personale scoramento per la deriva del proprio partito che, in quanto partito, pare arrivato a fine corsa.

Non c’è da compiacersi di ciò,  così come mercoledì su questo stesso giornale Roberto Pietrobon non si è compiaciuto della scomparsa a Biella del principale partito di centrodestra (“C’era una volta Forza Italia”).  Senza evocare le sinfonie di aria fritta sulla indispensabilità dei partiti cardine della democrazia partecipata e blabla, credo valga la pena qui di tentare di cercare di capire come sia potuto accadere in vent’anni che il PD, somma dell’antico PCI e di parte della DC del PSI e di altri cespugli dell’archeologia partitica, si sia ridotto ad avere a livello provinciale biellese un numero di iscritti pari a quello della più stitica sezione/cellula comunista nella Biella d’antan, ma mica tanto.

Sulla Nuova Provincia di Biella, in edicola oggi, il testo integrale della “Paga del sabato” di Giuliano Ramella.

Articolo precedente
Articolo precedente