La Provincia di Biella > Senza categoria > Caos 118, il consigliere Wilmer Ronzani presenta un’interrogazione
Senza categoria Valli Mosso e Sessera -

Caos 118, il consigliere Wilmer Ronzani presenta un’interrogazione

L'esponente del Pd in Consiglio regionale ha scritto per denunciare, "l’ennesimo episodio di disagio dopo la riorganizzazione del quadrante Biella-Vercelli-Verbania-Novara", dopo i fatti di Ponzone

L’esponente del Pd in Consiglio regionale ha scritto per denunciare, “l’ennesimo episodio di disagio dopo la riorganizzazione del quadrante Biella-Vercelli-Verbania-Novara”, dopo i fatti di Ponzone

Dopo l'ennesimo pasticcio combinato dalla centrale operativa del 118 di Novara tra il 15 e il 16 giugno, il consigliere regionale Wilmer Ronzani ha presentato l'ennesima interrogazione sull'organizzazione del servizio nel quadrante.  

I FATTI

Nella notte tra sabato e domenica la centrale 118 di Novara ha ricevuto una chiamata per un'emergenza a Ponzone, frazione di Trivero. Da Novara si hanno chiamato la postazione di Biella per inviare un mezzo di soccorso. I biellesi però hanno segnalato che sarebbe stato più corretto, visti i chilometri di distanza che separano Biella da Ponzone-Trivero, allertare le postazioni di Cossato o Trivero.

Novara ha quindi chiamato la postazione di Cossato, che ha inviato a Ponzone un’ambulanza, essendo convinta che la decisione di rivolgersi a loro dipendesse dal fatto che l’ambulanza a disposizione del 118 di Trivero, fosse, in quel momento, utilizzata per gestire un’altra emergenza. Ma così non era. Insomma da Novara prima hanno chiamato Biella per fronteggiare un’emergenza verificatasi a Ponzone, poi ha deciso di mandare là l’ambulanza di Cossato, senza prima verificare se fosse disponibile quella in servizio a Trivero.

Secondo Ronzani questo rappresenta: "L’ennesimo episodio che lo scrivente denuncia a dimostrazione di come la riorganizzazione del 118 in Piemonte e, segnatamente, nel quadrante Biella-Vercelli-Verbania-Novara, continui a produrre disagi, inefficienze, che gravano, in termini di costo, sul servizio sanitario regionale, e una peggiore qualità del servizio, in una realtà come Biella dove, invece, tale servizio, prima della riorganizzazione, aveva raggiunto una qualità soddisfacente".

Articolo precedente
Articolo precedente