La Provincia di Biella > Senza categoria > Andorno, successo per la giornata del riuso
Senza categoria Valle Cervo -

Andorno, successo per la giornata del riuso

La seconda edizione della Giornata del Riuso, svoltasi sabato, apre un autunno molto impegnativo per il comune di Adorno Micca, che si prepara a cambiare radicalmente il proprio metodo dI raccolta dei rifiuti. Da una soluzione di prossimità, con quindi bidoni sistemati a bordo strada, a ottobre si passerà infatti a una raccolta domiciliare completa di organico, propedeutica all’introduzione, il prossimo anno, della Tariffa Puntuale.

La seconda edizione della Giornata del Riuso, svoltasi sabato, apre un autunno molto impegnativo per il comune di Adorno Micca, che si prepara a cambiare radicalmente il proprio metodo dI raccolta dei rifiuti. Da una soluzione di prossimità, con quindi bidoni sistemati a bordo strada, a ottobre si passerà infatti a una raccolta domiciliare completa di organico, propedeutica all’introduzione, il prossimo anno, della Tariffa Puntuale.

La seconda edizione della Giornata del Riuso, svoltasi sabato, apre un autunno molto impegnativo per il comune di Adorno Micca, che si prepara a cambiare radicalmente il proprio metodo dI raccolta dei rifiuti. Da una soluzione di prossimità, con quindi bidoni sistemati a bordo strada, a ottobre si passerà infatti a una raccolta domiciliare completa di organico, propedeutica all’introduzione, il prossimo anno, della Tariffa Puntuale.

“Nel frattempo – commenta il sindaco Davide Crovella – ci godiamo il buon risultato di questa giornata molto partecipata”. Con il coordinamento dell’assessore Massimo Calamita e il supporto tecnico e logistico di Seab sono infatti stati raccolti un buon numero di materiali ingombranti, poi ridistribuiti tra la piccola folla che si è riunita in piazza per l’occasione, portandoseli via quasi tutti.

“E’ sempre un piacere vedere gli effetti benefici di quest’idea – commenta l’amministratore delegato di Seab Silvio Belletti – all’apparenza semplice ma che nel Biellese è diventata virale, toccando l’intero territorio. E non penso soltanto al risparmio economico per le amministrazioni, comunque significativo, ma anche al cambio di mentalità, all’insegnare che il recupero di oggetti e suppellettili è importante. Un passo avanti sulla strada di una nuova coscienza ecologica”.

 

Articolo precedente
Articolo precedente