La Provincia di Biella > Senza categoria > Acque contaminate, migliora la situazione
Senza categoria Circondario -

Acque contaminate, migliora la situazione

Si è svolto oggi il tavolo tecnico istituito presso la Provincia di Biella a seguito dei rilevanti fenomeni di contaminazione da solventi clorurati rilevati nel giugno 2010 dall'Arpa in corrispondenza di pozzi captanti le acque della falda, in un’area compresa tra la porzione meridionale del territorio comunale di Biella ed il territorio di Gaglianico.

Si è svolto oggi il tavolo tecnico istituito presso la Provincia di Biella a seguito dei rilevanti fenomeni di contaminazione da solventi clorurati rilevati nel giugno 2010 dall’Arpa in corrispondenza di pozzi captanti le acque della falda, in un’area compresa tra la porzione meridionale del territorio comunale di Biella ed il territorio di Gaglianico.

Acque contaminate tra Biella e Gaglianico: la situazione migliora.

Si è svolto oggi il tavolo tecnico istituito presso la Provincia di Biella a seguito dei rilevanti fenomeni di contaminazione da solventi clorurati rilevati nel giugno 2010 dall’Arpa in corrispondenza di pozzi captanti le acque della falda, in un’area compresa tra la porzione meridionale del territorio comunale di Biella ed il territorio di Gaglianico.

Il tavolo si riunisce periodicamente per esaminare la situazione e gestire il fenomeno e vede coinvolti, oltre ad Arpa Piemonte, Provincia di Biella, Regione Piemonte, ATO2, i comuni di Biella, Gaglianico e Ponderano, ASL e Cordar.

Nella riunione odierna è stato concordato di aggiornare l’opuscolo informativo “Inquinamento delle acque sotterranee nei comuni di Biella e Gaglianico”, pubblicato nel 2012 per informare la popolazione sull’evoluzione della situazione. Si prevede di pubblicare il nuovo documento in occasione di un incontro pubblico previsto per la primavera del 2015. Inoltre sono stati esaminati gli effetti derivanti dalle azioni di risanamento attualmente in corso, che proseguono secondo quanto previsto dai piani di bonifica e di messa in sicurezza già adottati.

L’ultima campagna di misura svolta ad ottobre 2014 evidenzia un sensibile miglioramento nelle aree immediatamente adiacenti al sito in bonifica.

Articolo precedente
Articolo precedente