La Provincia di Biella > Salute > Francesco D’Aloia nuovo direttore sanitario dell’Asl di Biella

GDL Salute

Salute
0 commenti.

Francesco D’Aloia nuovo direttore sanitario dell’Asl di Biella

Ha 56 anni ed è nativo di Foggia

Scritto da: direttore@nuovaprovincia.it

Francesco D’Aloia nuovo direttore sanitario

Francesco D’Aloia nuovo direttore sanitario dell’Asl di Biella. Ha 56 anni, nato a Roseto Valfortore (Foggia) risiede a Biella dal 2000 quando ha iniziato a lavorare per l’Asl locale. Alla guida della Direzione Medica Ospedaliera fino a ieri, il dott. D’Aloia conosce molto bene la realtà dell’ospedale e dell’Azienda Sanitaria dove dal 2007 ha ricoperto anche il ruolo di responsabile dell’Unità di Prevenzione Rischio Infettivo.

Tra gli incarichi ricoperti anche quello di componente della Commissione Regionale per l’appropriatezza dei ricoveri. Ha fatto parte di numerose commissioni in materia di vigilanza sanitaria e controllo, anche per case di cura private, con particolare riguardo alla verifica della documentazione clinica e dell’appropriatezza dei ricoveri.

“Sono certo – ha sottolineato il commissario Diego Poggio – che il dott. D’Aloia saprà rappresentare al meglio le esigenze dell’azienda e dei nostri professionisti facendo leva sulle conoscenze già consolidate della nostra realtà, ma al tempo stesso con il giusto spirito critico e propositivo per sviluppare al meglio le potenzialità dell’Asl di Biella”.

Laureatosi nel 1995 in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti, si è poi specializzato nel 1999 in Igiene e Medicina Preventiva. Nel 2010 ha conseguito un Master in Economia e politica sanitaria presso il Coripe Piemonte “Consorzio per la Ricerca e l’Istruzione Permanente in Economia – Università degli Studi di Torino del Piemonte Orientale A. Avogadro”. Ha insegnato anche Igiene, Economia Sanitaria e Biostatistica presso i corsi di laurea in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Chieti.

Potrebbe interessarti anche questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente