La Provincia di Biella > Politica > Regione, il Pd rinuncia alle primarie
Politica Biella -

Regione, il Pd rinuncia alle primarie

Verranno organizzate cinnque o sei assemblea divise per macro aree

Verranno organizzate cinnque o sei assemblea divise per macro aree

Il centrosinistra ha decisio di rinunciare alle primarie per scegliere il candidato alle elezioni regionali. Troppo ravvicinata la scadenza rispetto alle ultime consultazioni – quelle per i sindaci di Biella e Cossato – per richiamare nuovamente iscritti e simpatizzanti alle  urne.

E così la delicata scelta del candidato verrà presa organizzando assemblee sul territorio. Sono state ipotizzate cinque o sei riunioni suddivise in macro aree. Durante queste assemblee i candidati presenteranno il loro programma e la platea procederà alla scelta per votazione.

Il candidato più accreditato è l’ex sindaco di Biella Vittorio Barazzotto, che potrebbe sfruttare la sua grande popolarità per raccogliere voti e trascinare anche Marco Cavicchioli verso Palazzo Oropa. Barazzotto dovrà vedersela con il sindaco di Sordevolo Riccardo Lunardon. Fra i papabili sembra ci sia anche Sergio Pelosi, capogruppo del Pd a Cossato. E proprio dal Biellese orientale arriva una forte spinta a scegliere il candidato proprio in quell’area ritenuta strategica in termini elettorali per il partito.

Sulla questione e- giunta ora una nota ufficiale della segreteria provinciale del Partito democratico che riportiamo integralmente.

L’Assemblea Provinciale del Partito Democratico Biellese riunitasi nella serata del 28 febbraio ha deliberato che i candidati alla carica di consigliere regionale per le prossime elezioni amministrative verranno scelti in macro assemblee aperte sui territori, a cui potranno partecipare iscritti, elettori e simpatizzanti. L’assemblea ha invitato coloro che intendo candidarsi a palesarsi entro la settimana alla segreteria provinciale. Questo sistema è pensato al fine di conciliare la partecipazione diretta degli elettori di centro sinistra con la necessità di arrivare a un confronto tra i candidati e il territorio.
Confidiamo che il metodo scelto possa offrire la reale opportunità di individuare i candidati più forti per rappresentare il biellese in Piemonte’‘.

Articolo precedente
Articolo precedente